Bannon, genio del male o forse no?

  • The Brink. Sull’orlo dell’abisso

CINEMA Come si costruisce l’odio a tavolino, come si fabbrica pezzo per pezzo il populismo in tante salse, come si prova a giocare con i destini degli uomini, lavorando alacremente per influenzare le politiche di certi gruppi o dar forza a certi personaggi.

E come tutto questo ci viene raccontato col sorriso sulle labbra da uno degli uomini più pericolosi di oggi, quello Stephen Bannon ex stratega di Donald Trump e oggi in giro per il mondo a tessere trame, certo che «questa è una rivoluzione globale e io sono molto fortunato ad essere in prima linea». La regista Alison Klayman lo ha seguito per ben tredici mesi e da lì nasce questo “The Brink. Sull’orlo dell’abisso” (dal 29 aprile nelle nostre sale) per mostrarci che, in fondo, più che un genio de male, come molti lo hanno definito, Bannon è solo “un venditore di idee”.

 

S. D. P.