Tra Sfera, Ovadia De Crescenzo & Co.

  • Sfera Ebbasta

MILANO È il weekend di Sfera Ebbasta, che sabato porterà il suo Popstar Tour al Mediolanum Forum d’Assago (ore 21, euro 34.50). Un anno agitato per il trapper di Cinisello Balsamo, che è andato forte con l’ultimo cd “Rockstar” e vanta numeri milionari per social e streaming, ma che è stato coinvolto indirettamente nella tragedia della discoteca di Corinaldo, in cui sono morte sei persone in attesa del suo live. A seguire un fiume di polemiche verso la sua musica, per molti veicolo di messaggi fuorvianti e inneggianti alla droga. Anche perciò Sfera e il suo staff si sono inventati la Family Pack, iniziativa che consente a un genitore di accompagnare gratis il proprio figlio al concerto. «Ho pensato di coinvolgere i genitori in modo che possano vedere che nello show è tutto positivo, è un posto dove ci si diverte – spiega Sfera – Mi son messo nei loro panni che hanno visto l’idolo dei loro figli, ragazzini, additato da giornali e tv come fosse un mostro».

In alternativa al Live di Trezzo stasera il rock degli svedesi Backyard Babies con The Nordic Noir Tour con Satan Takes A Holiday, Thundermother e Audrey Horne, seguiti sabato e domenica dal Frontiers Rock Festival IV con Alan Parsons, Steve Augeri e altri. Domani all’Arco della Pace si svolgerà Partigiani in ogni quartiere con Gang, Persiana Jones, Delta V, Moni Ovadia e altri, mentre al Magnolia largo ai concerti di Kap Bambino (venerdì) e dEUS (domenica). Al Blue Note suoneranno CdpM (oggi), Jeff Lorber (domani), Naim (venerdì), Big One (sabato) e Keyon Harrold (domenica), e sabato al Dal Verme da ascoltare le Essenze jazz di Eduardo De Crescenzo.

 

 

DIEGO PERUGINI

Articoli Correlati

È Popstar Tourby Sfera Ebbasta

Gionata Boschetti, in arte Sfera Ebbasta, 26enne rapper milanese, atteso al Palazzo dello Sport

Sfera Ebbasta: una vitada Rockstar

Tutti pazzi per il giovane rapper che conquista con il suo nuovo cd, in vista del tour di aprile

Sfera: I ragazzis'identificano nelle mie storie

Intervista al rapper di periferia, idolo dei giovanissimi e rivelazione del 2016, s’appresta a portare la sua “trap music” oltre i confini nazionali