Fognini re di Montecarlo Riuscì solo a Pietrangeli

  • Tennis

Fabio Fognini, numero 18 del mondo, si è imposto sulla terra rossa di Montecarlo battendo in finale il serbo Dusan Lajovic, numero 48 Atp, in due set con il punteggio di 6-3 6-4. Con la vittoria di oggi, Fognini entra di diritto nella storia del tennis come il primo italiano vincitore di un Masters 1000. Il campione ligure balzo inoltre al 12esimo posto dello 'score' internazionale. L'ultimo italiano vittorioso sulla terra rossa monegasca, quando il torneo non era ancora Master 1000, fu Nicola Pietrangeli nel 1968, dopo averlo vinto anche nel 1961 e nel 1967. L'ultimo finalista del torneo era stato l'allenatore di Fognini, Corrado Barazzutti, nel 1977. Recordman del torneo resta Rafa Nadal, sconfitto ieri in semifinale proprio da Fognini, che ha conquistato il torneo 11 volte (8 consecutive) tra il 2005 e il 2018.

Dedica a mamma.  Un Fognini emozionato riceve il premio del Master di Montecarlo e dedica alla mamma la vittoria. "Sono nato qua vicino - dice durante la premiazione - Vincere questo torneo è qualcosa di straordinario che non riesco a credere". Parole di elogio poi per il 'rivale' Lajovic: "So che la prima finale è sempre dura ma hai un grande team. Ben presto toccherà a te". Poi i ringraziamenti, "innanzitutto al mio team. Quest'anno abbiamo iniziato abbastanza male ma ora abbiamo vinto. Grazie anche a Flavia (Pennetta) che mi supporta e mi sopporta. Sono molto contento". Infine la "dedica speciale a mia mamma che domani compie gli anni. Le dedico questo torneo. Ci vediamo il prossimo anno".    Con Fognini si è quindi congratulato Lajovic: "congratulazioni a te e al tuo team. Spero che avremo un'altra finale e potrò prendermi la rivincita. Grazie a tutto il mio team, i genitori, la mia ragazza, gli allenatori, gli amici, tutti quelli coinvolti nella mia carriera, Spero che un giorno otterremo anche noi una vittoria. Grazie al pubblico per avermi sostenuto e appuntamento all'anno prossimo".  "Ora a caldo - ha aggiunto Fognini intervistato da Sky - è difficile esprimere quello che sento, che ho sentito in tutta questa settimana". E, commentando la prestazione, non brillantissima di oggi, ha spiegato: "le finali vanno vinte non interessa come. Dopo il periodo brutto di inizio anno, di portare a casa questa coppa non ci credevo io nè nessuno. Sono rimasto a lottare e giorno dopo giorno - ha continuato - e ho ritrovato il mio tennis. Qualsiasi finale è sempre difficile. Io avevo più esperienza ma arrivare leggermente favorito poteva essere un problema. Lui ha un allenatore che mi conosce benissimo, che mi ha lanciato. Uno dei migliori coach al mondo. Ero preoccupato anche perchè era difficile gestire le emozioni: ieri ho dormito meno, oggi ho mangiato poco... Sono venuto qua - ha concluso - per ritrovare me stesso ed è quello che è successo nel primo turno. Ho vinto anche con fortuna e poi ho ritrovato me stesso a livello di gioco e di battaglia, che è quello che mi mancava". 

Articoli Correlati

La dieta di Federerdi tutto un po' e zero rinunce

Nella finale di Wimbledon l'abbiamo visto, a 37 anni, tenere testa 5 ore ad un collega di 5 anni più giovane. Spiamo nella sua alimentazione

A Wimbledon due vittorie per Fognini e Berrettini

Sofferto passaggio del turno per Fognini al quinto set. Più facile per Berrettini

Fabbiano va avantiSeppi si ferma

Bilancio agrodolce per gli italiani a Wimbledon