Corruzione, indagato Siri Governo in fibrillazione

  • Corruzione

Il sottosegretario ai Trasporti, il leghista Armando Siri, genovese di 47 anni, è sotto inchiesta per corruzione con altre nove persone, nell'ambito di accertamenti svolti dalla Direzione investigativa antimafia di Trapani, per conto della procura di Palermo. L'indagine, condotta in parallelo anche dai pm di Roma, ipotizza uno scambio di favori, utilità e denaro per agevolare aziende considerate vicine a un imprenditore dell'eolico, Vito Nicastri, di Alcamo (Trapani), da un anno agli arresti domiciliari, ma che anche da casa - e nonostante sia stato raggiunto da una maxiconfisca da un miliardo di euro - avrebbe continuato, tramite un familiare, a manovrare per fare affari.     La parte palermitana e trapanese dell'indagine ipotizza anche l'aggravante dell'agevolazione di Cosa nostra, non formulata nei confronti del sottosegretario. Nicastri, per effetto della nuova indagine, si è visto aggravare la misura cautelare che lo teneva ai domiciliari per concorso esterno in associazione mafiosa e fittizia intestazione di beni, ed è stato riportato in carcere. Sono intanto state disposte perquisizioni, che vengono svolte in queste ore simultaneamente a Palermo, negli uffici dell'assessorato regionale all'Energia, e a Roma, oltre che nell'abitazione e nelle pertinenze dello stesso Nicastri, indicato anni fa dal Financial Times come il "signore del vento" e ritenuto un prestanome del superlatitante Matteo Messina Denaro, che sarebbe suo socio occulto. 

Permessi.   Al centro delle verifiche disposte dai pool coordinati, a Palermo, dal procuratore aggiunto Paolo Guido e, nella Capitale, dall'aggiunto Paolo Ielo, una serie di permessi gestiti dalla Regione Sicilia, con l'assessorato all'Energia. Il fine ultimo di Nicastri sarebbe stato quello di fare approvare una normativa che avrebbe previsto ulteriori incentivi e finanziamenti negli investimenti nel campo delle energie alternative. Tra gli indagati anche un docente universitario, Paolo Arata, genovese come Siri, 68 anni, ex deputato nazionale di Forza Italia e, nel 1994, presidente del Comitato interparlamentare per lo sviluppo sostenibile: negli anni scorsi è stato uno dei sette professori a cui Matteo Salvini ha affidato la stesura del programma di governo della Lega. Anche Armando Siri fu uno dei professori che, per "Noi con Salvini", si occupò di economia, riforma fiscale e flat tax. Secondo l'ipotesi investigativa, Arata sarebbe stato uno dei personaggi che avrebbero avuto contatti e fatto da tramite con Siri.

Di Maio.  “Se i fatti fossero questi Siri si deve rimettere dal governo". Così il vicepremier Luigi Di Maio risponde ai giornalisti che gli chiedono della vicenda legata alla Sottosegretario Siri in Sicilia. "Va bene aspettare il terzo grado di giudizio - ha detto a margine dell'assemblea di Unioncamere - ma c’è una questione morale e se c’è un sottosegretario coinvolto in un’indagine così grave; non è più una questione tecnico-giuridica ma morale e politica". "Non so se Salvini concorda con questa mia linea intransigente ma il mio dovere è  tutelare il governo. Credo che anche a Salvini convenga tutelare l’immagine e la reputazione della Lega”.

Salvini. Matteo Salvini ribadisce la sua piena fiducia nel sottosegretario Armando Siri e respinge la richiesta di dimissioni avanzata dagli alleati grillini. "Dico agli amici dei 5 Stelle - ha detto parlando a San Ferdinando, in Calabria - che non si è dimessa la Raggi, che è stata indagata per uno, anzi due anni, e in Italia si è colpevoli se si viene condannati. Se domani indagano Matteo Salvini, anzi - ha sottolineato - ho sbagliato perché Matteo Salvini è già stato indagato diverse volte… però non mi dimetto, perché altrimenti farei un altro mestiere che non il ministro. So che do e diamo fastidio - ha aggiunto - a qualcuno come Lega, ma abbiamo il dovere di tenere duro. Però dico agli amici dei 5 Stelle: avete difeso la Raggi per due anni sotto inchieste. Quindi, cortesemente… Due pesi e due misure, quando c’è di mezzo la vita delle persone  - ha concluso - non mi piacciono”.

Articoli Correlati

Terremoto tangenti dalla Lombardia al Meridione

Arresti e indagini su appalti e favori coinvolgono politici, imprenditori e funzionari in Lombardia, Calabria e Sicilia

Arrestato il M5S De VitoTerremoto politico su Roma

Il presidente dell'assemblea capitolina De Vito (M5S) arrestato all'alba per corruzione. L'inchiesta sullo stadio della Roma

La corruzione è costata100 miliardi in 10 anni

Il rapporto Unimpresa stima a 10 miliardi l'anno i costi della corruzione per la collettività