«In the End, per Dolores ma senza speculazioni»

  • Cranberries Musica

MUSICA La voce, inconfondibile, è quella di Dolores O’Riordan, la cantante dei Cranberries scomparsa improvvisamente il 15 gennaio 2018. La riascoltiamo ora in un nuovo cd, “In The End”, in uscita il 26 aprile. Suoni fra rock e pop, nel classico stile Anni ‘90 del gruppo irlandese, con la marcia in più di una vocalist da brivido.

Noel, Mick e Fergal, suoi compagni di band, presentano il disco con un pizzico di inevitabile malinconia: «Nel 2017 durante il tour acustico avevamo fatto tanti provini, poi Dolores è mancata e, in accordo con la sua famiglia, abbiamo deciso di riprenderli sullo slancio creativo del tempo. È stato molto difficile reggere il carico emotivo, ma abbiamo gestito tutto nella maniera più professionale, per renderle il miglior onore possibile. Questo disco vuol essere una celebrazione della band e della figura di Dolores», spiegano.

Suggestiva la copertina, che ritrae quattro ragazzini con gli strumenti in mano: «Non siamo noi da giovani, vogliamo che la loro identità rimanga un segreto». Inevitabile lasciarsi andare al ricordo: «Ci sono venuti in mente gli inizi, le prove, i piccoli club, i tour in furgone. I testi sono emozionanti, riflettono il periodo delicato di Dolores, 3 anni duri fra divorzio e problemi psicologici. Ne sembrava fuori, invece...».

E per il futuro, no alle speculazioni: «Non verranno mostrate  immagini di Dolores, sarebbe strano. E non ci saranno altri dischi con inediti. Un live col suo ologramma? Ce l’hanno già chiesto, no grazie!».

 

 

 

DIEGO PERUGINI