"Io, geisha, opera d'arte in movimento..."

  • Giappone

ROMA Tazusa è una geisha del distretto di Tokyo. Sarà a Roma dal 6 al 12 aprile nell’ambito di #AGeishaDay, seconda edizione del festival dedicato a questa importante figura della cultura giapponese.

Tutto ciò che so sulle geisha viene da un romanzo scritto da un occidentale, Arthur Golden, 70 anni fa: "Memorie di una Geisha”. Quanto è cambiata la vita delle geisha, nelle società di oggi?
«La Geisha rappresenta il cuore del Giappone, la sua antica cultura e tradizione, quindi in realtà non cambia mai. Se cambiasse non sarebbe più una geisha. L’unico dettaglio è l’avvento della tecnologia anche nel nostro mondo incantato».

In che senso?
«Oggi anche una geisha possiede e utilizza uno smartphone. In certi casi ha un proprio sito».
 
Cosa mi può dire dell’arte della danza e della canzone, di cui siete custodi?
«Pratichiamo le arti tradizionali giapponesi. Ogni giorno ci esercitiamo nel Kaburenjo: danza, canto, musica. Studiamo la cerimonia del tè. Poi ogni geisha sceglie la propria arte: io ad esempio mi sto specializzando nel suonare lo shamisen. Non si smette mai di imparare e perfezionarsi, per l’intera esistenza».

Come si diventa geisha?
«La nostra professione è splendida, ma dura e piena di sacrifici. Molte ragazze intraprendono questo percorso ma poi lo abbandonano lungo la strada. Per diventare una geisha devi essere portata per le arti tradizionali e devi trovare una okiya (casa delle geisha, ndr) che ti accolga. Si abbandonano la vita di prima, la famiglia, gli amici: la persona che eri un tempo non c’è più».

E poi?
«A Tokyo debutti come geisha a 21 anni, prima sei una hangyoku, cioè una apprendista. A Kyoto si inizia la formazione da maiko (l’apprendistato dura 5 anni, ndr) a 15 anni. Si comincia così una nuova vita, in una nuova famiglia, quella della okasan, che diventa la tua geisha madre e delle onesan (le sorelle maggiori, ndr) e delle imotosan (le sorelle minori, ndr) ossia le altre geisha e hangyoku che vivono e lavorano con te. Come simbolo di questa nuova esistenza ricevi anche un nuovo nome».
 
Come è considerata dalle giapponesi contemporanee la figura della geisha?
«In Giappone la geisha è ammirata e rispettata da tutti: le artiste più importanti sono proclamate “Tesori nazionali viventi”».

Ho dato però uno sguardo ad internet ed è pieno di false geisha. Anche per voi la tecnologia è più una concorrente che una amica?
«Come ci sono fake news, così ci sono fake Geisha. Però la tecnologia, attraverso il dialogo e il confronto tra le persone, è un ottimo strumento per smascherare le artiste fake».

Come mai ha intrapreso questa strada?
«Ho deciso di diventare geisha ormai più di due anni fa. Fino a quel momento facevo un altro lavoro, e suonare lo shamisen e ballare minyo erano hobby. Ma quelle arti mi rendevano felice più del mio lavoro, così un giorno ho compreso che desideravo praticarle in una professione che, purtroppo, sta scomparendo».

Tazusa è il suo vero nome? Che ruolo ha adesso?
«Una geisha non può rivelare il nome che aveva prima di entrare a far parte del Karyukai (alla lettera: “il mondo dei fiori e dei salici piangenti”, ndr) né può rivelare la propria età anagrafica. Tazusa è il mio nome d’arte e significa “trasparente”, e sono una hangyoku (una giovane geisha, ndr)».
 
La geisha è una artista?
«Sì, assolutamente. Gei è l’arte, sha la persona. La geisha è dunque un’artista. Anzi, direi un’opera d’arte in movimento».

ANDREA BERNABEO

(Foto Roberto Martino)

Articoli Correlati

Kyoto, stragenell'azienda dei manga

Uomo dà fuoco a azienda che produce fumetti e cartoon giapponesi, almeno 33 vittime

Tokyo ha ricominciatola caccia alle balene

Il Giappone riprende la caccia alle balenea scopi commerciali, dopo 31 anni di interruzione

Forte sisma in mareScattato allarme tsunami

Un sisma di magnitudo 6,8 al largo dalle coste del Giappone, allarme tsunami