Omicidio della Bovisasca Lunedì l’autopsia sul corpo

  • Milano

BOVISASCA Solo lunedì si saprà qualcosa di certo sul corpo fatto a pezzi e carbonizzato ritrovato sabato notte in via Cascina dei prati, alla Bovisasca. In mattinata, infatti, è prevista l’autopsia sulla vittima condotta dal laboratorio di Antropologia Forense - Labanof guidato dalla professoressa Cristina Cattaneo. Stando alle prime informazioni trapelate domenica sera, i resti apparterrebbero a una persona di sesso maschile, ma le condizioni del cadavere rendono incerta ogni ipotesi, persino la determinazione del sesso. Certo, invece, che al momento del ritrovamento, al corpo mancavano la testa, parte delle braccia e delle gambe, amputate all’altezza delle ginocchia. Le parti mancanti sono state trovate a poca distanza dal corpo, che giaceva a lato di un gabbiotto usato per la raccolta dei rifiuti condominiali e che solitamente è chiuso a chiave, in un'area trasformata in discarica a cielo aperto. 
Sul posto sono stati trovati anche una tanica nera e una bombola di gas, che probabilmente l’assassino (o gli assassini) intendevano far esplodere per cancellare ogni possibile traccia. Per fortuna, la bombola è rimasta integra. A fare la macabra scoperta erano stati i vigili del fuoco chiamati alle 22,15 da un residente di uno dei tre condomini che si affacciano sul parco Chiari,   vicino alla rotonda e al cavalcavia di via Bovisasca, per un incendio di rifiuti con mobili e divani in fiamme.

 

Articoli Correlati

Trovati e sequestrati i camici di Fontana

La Gdf li ha bloccati nel magazzino della società Dama, la Spa di proprietà del cognatgo e delal moglie del governatore lombardo

Trovati e sequestrati i camici di Fontana

La Gdf li ha bloccati nel magazzino della società Dama, la Spa di proprietà del cognatgo e delal moglie del governatore lombardo

Abbonamenti Atm ricaricabili via smartphone

L'azienda di trasporto lancia la app taglia code. Non sarà più necessario recarsi agli Atm Point