Verso Italia-Liechtenstein Millennial, la rivoluzione funziona

  • Qualificazioni Euro 2020

CALCIO  L’Italia arriverà  oggi a Parma dove domani  (ore 20.45, diretta Rai Uno) incontrerà il Liechtenstein per la seconda gara di qualificazione ad Euro 2020. Ieri  gli Azzurri sono scesi in campo alla Dacia Arena  per preparare la gara: il ct ha confermato il 4-3-3 in cui ha provato Sensi in  regia e Quagliarella in attacco, con Pavoletti prima alternativa. Romagnoli  terzino sinistro.
La brutta sorpresa, invece, è lo stop di  El Shaarawy, rimandato a casa per un problema muscolare. Sarà indisponibile  anche il terzino Cristiano Piccini. Perin ha invece a che fare con una  distorsione.

L’Italia dei giovani
La vittoria contro la Finlandia ha dato ragione a Mancini che ha convocato per queste due partite  Kean (classe 2000), Zaniolo e Donnarumma (’99), Barella e Chiesa (’97) e l’atalantino Mancini (’96). Una scelta che non sorprende l’allenatore dell’Under 21 Luigi Di Biagio: «Barella e Kean sono figli della nazionale, delle Under, sono figli di un progetto nato otto anni fa quando ci hanno chiesto di fare “rifornimento” per la Nazionale. Il risultato è gratificante, ed abbiamo già altri ragazzi pronti a fare il salto». È il lavoro di  svecchiamento di una nazionale che aveva  bisogno di mettere da parte gli ultimi esponenti della generazione che aveva trionfato ai Mondiali del 2006. Noi  lo  scopriamo ora, Kean, ma dietro le sue devastanti  accelerazioni palla al piede e le  sponde    c’è  un lungo lavoro.

Nicolò Zaniolo
Classe 1999, figlio d’arte (il papà Igor è stato calciatore) è considerato uno dei migliori talenti della sua generazione: alto 1.90, è molto bravo sia come trequartista che come mezzala sinistra. Sabato ha fatto il suo esordio in azzurro subentrando a Marco Verratti. Tre anni fa giocava nella Virtus Entella. A dargli fiducia è stato Eusebio Di Francesco.
 

Nicolò Barella
Classe 1997, Barella è un centrocampista inseguito da mezza Europa. Motivo? Grande corsa, grande personalità e duttilità: può infatti essere  impiegato come trequartista, mediano o mezzala. È cresciuto nelle giovanili del Cagliari, squadra dove milita tuttora. Da quando è sbocciato con i sardi, i paragoni si sprecano: c’è chi lo accosta a  Nainggolan e chi pensa che sia più regista. 

Moise Kean
Moise Kean, classe 2000, nato a Vercelli ma di origini ivoriane, è il primo giocatore nato negli anni Duemila a esordire in Serie A, nonché  il giocatore più giovane in assoluto a esordire nella Juventus. Ha segnato in azzurro da più giovane di Rivera. Ed ha un maestro d’eccezione: CR7.

Uno sguardo alla Cina
Piccola nota a margine: l’Italia del calcio guarda anche alla Cina. C’è infatti anche l’accordo per favorire lo sviluppo del calcio, tra le intese che Italia e Cina hanno siglato in questi giorni. Tra queste, spunta un progetto di collaborazione che prevede anche la diffusione del calcio italiano in terra cinese e l’organizzazione in Cina, entro i prossimi 3 anni, di gare di competizioni ufficiali italiane. Ed anche il supporto allo sviluppo della Var ad uso dei direttori di gara cinesi.

Articoli Correlati
Qualificazioni Euro 2020

L'Italia dei giovaniprima nel girone

Battuto 6-0 il Liechtestein. In gol ancora Kean. Quagliarella: doppietta su rigore e record. Sfogo di Balotelli
Qualificazioni Euro 2020

Chiesa è un rebusIn forse con la Finlandia

L’attaccante azzurro è in forte dubbio per la partita di sabato a Udine a causa di un problema all'inguine
Qualificazioni Euro 2020

Mancini: «Buon sorteggio»Ma occhio alla Bosnia

Il ct contento di aver evitato la Germania, ma Dzeko avverte: «Ce la giochiamo con chiunque»