Storie sportive con Buffa a teatro

  • Federico Buffa

TORINO Ha fatto conoscere al pubblico l’incontro del secolo tra Muhammad Ali e George Foreman nel suo spettacolo A night in Kinshasa. Ora Federico Buffa riporta lo sport a teatro mettendo in scena domani, in data unica, alle 21, al Colosseo un suo nuovo spettacolo: Il rigore che non c’era. Scritto a quattro mani con Marco Caronna, il testo parte da storie sportive per diventare un affresco storico, poetico e musicale. Perché Il rigore che non c’era è l’evento, spesso improvviso, che ha cambiato il corso di una partita e la metafora che ha modificato la storia di una vita. In un luogo non precisato, non collocato nel tempo e nello spazio, Buffa, grande storyteller italiano, racconta di un lungo percorso che da Sendero Luminoso arriva al Re LeBron James, che parte dal Loco Houseman e giunge al millesimo gol della leggenda del calcio Pelè, passando per Elis Regina e Sam Cooke.

Le parole di Buffa s’intrecciano e vengono esaltate dalla musica di Alessandro Nidi, mentre sul palco una casa e la copertina di Sergeant Pepper dei Beatles fanno da sfondo e Caronna veste i panni di uno strampalato attore. Il rigore che non c’era, alla fine, è un interessante e intenso viaggio non solo nello sport, ma anche nella vita di chi a un certo punto è stato chiamato a calciare un rigore e che in questo modo ha cambiato la storia di tutti (Info: teatrocolosseo.it).

 

ANTONIO GARBISA