Ora tutti pro Olimpiadi

  • Milano

MILANO Alla fine i fondi dello Stato, se le Olimpiadi invernali saranno assegnate a Milano-Cortina, arriveranno. Dopo l’apertura dei giorni scorsi del vicepremier Salvini («se ha trovato i soldi per il torneo Atp di tennis di Torino, il Cdm li troverà anche per le Olimpiadi») e quella del leader M5s al Pirellone Violi («Le Olimpiadi hanno portata nazionale, comuni e regioni non possono fare tutto da soli»), ieri è arrivato a sorpresa anche l’ok di un ministro grillino di peso, Barbara Lezzi. «In Cdm avevamo capito che per i Giochi, le regioni fossero autosufficienti, però se ci sono altre esigenze, da parte nostra c’è apertura a discuterne. Senza nessuna preclusione. Non ne facciamo una questione di bandierine, ma di opportunità, di progetti e soprattutto di ricadute sul territorio», ha aggiunto il ministro per il Sud ieri in visita a Milano, «È chiaro che nei limiti delle risorse disponibili cercheremo di aiutare». In mattinata era stato il sindaco Sala ad alzare la voce, ribadendo che riteneva «inconcepibile che vengano messi soldi per Atp e non per le Olimpiadi». Raggiante il presidente Fontana: «Credo che sia una cosa estremamente positiva, non soltanto per l’aspetto economico che è rilevantissimo, perché ci sgrava di obbligazioni importanti, ma soprattutto perché dimostra al Cio che c’è la vera partecipazione anche da parte del Governo», ha detto a Radio Lombardia. «La presenza di tutte le forze del Paese viene vista come positiva per assumere un maggior credibilità».

Articoli Correlati

«Ho ucciso mio figlioperché non dormivo»

Confessa l'uomo che ha picchiato a morte i suo bimbo di 2 anni

Urlano «negro di m...»al giocatore di basket 13enne

La denuncia della madre adottiva su Facebook

Cappelli da alpinopersi e ritrovati

Nasce il gruppo facebook dopo la grande adunata