Prefetto: no a CasaPound ma rimane il nodo del Monumentale

  • Milano

SICUREZZA CasaPound non potrà manifestare il 23 marzo in piazza San Sepolcro per il centenario dei Fasci di Combattimento. A stabilirlo, ieri, il Prefetto, dopo la riunione del Comitato per l’ordine pubblico. Sebbene al momento non sia stato presentato alcun preavviso di manifestazione per il 23 marzo, fa sapere la Prefettura,  «per evidenti e gravi ragioni di ordine e sicurezza pubblica non sarà consentita alcuna iniziativa in luogo pubblico che abbia carattere commemorativo o rievocativo». La nota esclude così la manifestazione pomeridiana in centro. Restano però aperte due questioni: la prima è quella del concerto della band del leader  neofascista Gianluca Jannone, “ZetaZeroAlfa”, che però si terrà in un luogo privato e quindi non è stato vietato.   

La seconda è quella  della commemorazione annunciata da CasaPound in mattinata al Monumentale.  E qui la faccenda diventa spinosa, perché non si tratta di una vera e propria manifestazione, visto che i militanti possono recarsi alla Cripta degli squadristi a titolo personale. Quindi neanche questo appuntamento è stato vietato. A rendere ancora più esplosiva la situazione, il contemporaneo presidio convocato dall’Anpi sempre al Monumentale. ANDREA SPARCIARI

Articoli Correlati

Patto Comune-Emergency per assistere i clochard

Un team dell’Ong di Strada sarà nei dormitori per monitorare i senzatetto. Ma resta il problema di quanti rifiutano l'assistenza

Niguarda si ribellacontro gli audio "fake"

Aperta un'inchiesta sui due file girati su Whatsapp che invitavano a comprare vitamina C

Fontana: «Dobbiamo fermaretutta la Lombardia»

Il presidente scrive al governo per bloccare negozi e trasporti. Intanto i morti salgono a 468, 135 in più di lunedì