La bottega che fa rete coi piccoli produttori

  • wwworkers.it

Wwworkers è la community dei lavoratori della rete, dipendenti o imprenditori che operano con le nuove tecnologie e che si raccontano suwwworkers.it e su Metro

Una filiera corta e ricchissima di prodotti, qualità, eccellenza. Una filiera che disintermedia la relazione tra cliente e consumatore e propone un nuovo modo di acquistare. Una filiera che rivoluziona l’acquisto scommettendo sulla consapevolezza. Perché se siamo quello che mangiamo, siamo anche quello che acquistiamo. Ne è convinto Renato Plati, 47enne imprenditore alimentare milanese, in tasca una laurea in legge e nel passato alcune esperienze imprenditoriali nell’informatica e nella telefonia mobile. «Questo progetto è nato a livello embrionale sette anni fa in Toscana, in quel paese conosciuto nel mondo per la raccolta differenziata», afferma Renato. L’idea è proprio partita da un gruppo di giovani di Capannoli, nel lucchese. L’ambizione da subito è stata di mappare il cibo di qualità, cercando di favorire i piccoli produttori, quelli che hanno poca visibilità e che sono impegnati ogni giorno nel lavoro della terra. 

Oggi le botteghe alimentari sono tre, distribuite tra Milano, Padova e Bologna. Nel capoluogo lombardo Effecorta ha sede nella zona nord, precisamente nel quartiere Affori, prima periferia milanese, area ad alta densità abitativa e che ha mantenuto nel tempo lo spirito di comunità. «Siamo serviti dalla metropolitana gialla, abbiamo uno spazio di 180 metri quadrati dove lavorano quattro collaboratori, mentre i soci sono tre. Vendiamo pane, pasta, salumi, formaggi, ortofrutta biologica. Tutti prodotti accomunati dalla consapevolezza», ricorda Renato.

Già, la consapevolezza di un acquisto che crea valore. I fornitori di Effecorta oggi sono oltre ottanta e operano soprattutto nelle vicinanze geografiche. «Ma facciamo anche un giro d’Italia. Vendiamo alla clientela l’olio toscano o i vini siciliani. Sono prodotti di altissima qualità».

Punto fisico e punto digitale si integrano vicendevolmente e dialogano tra loro. Perché su Effecorta.it è ospitato anche un marketplace con la vendita online dei prodotti. «Con internet all'inizio abbiamo incontrato delle difficoltà, oggi lo usiamo per accrescere posizionamento e per vendere ad una clientela di qualità e alfabetizzata al digitale. Ma il web ci ha permesso anche di intercettare nuovi clienti e fornire informazioni più dettagliate». Anche perché la consapevolezza passa necessariamente per la conoscenza.

Giampaolo Colletti

@gpcolletti

Articoli Correlati

Quei vini in anfora unici al mondo

La storia di Mateja Gravner, 45enne viticoltrice ed enologa

Il birrificio rivive ad alta quota

La storia di Claudio Lorenzini raccontata su Metro e wwworkers.it

Il falegname hi-tech dalle montagne in rete

La storia di Maurizio Bresesti raccontata su metro e wwworkers.it