La gelata dei consumi: 3,6 miliardi di spesa in meno

  • Consumi

La frenata dell'economia, otre che la produzione indusriale, contagia anche i consumi delle famiglie, che rallentano più del previsto. Lo dicono le previsioni macroeconomiche elaborate da Cer per Confesercenti, secondo cui quest'anno la crescita della spesa si fermerà a un massimo di +0,4%, la metà dell'aumento stimato per il 2019 dal governo (+0,8%), per un totale di 3,6 miliardi di euro di consumi in meno. Il risultato peggiore degli ultimi cinque anni e un peso anche per il Pil, per il quale la minore crescita dei consumi si tradurrà in una perdita di 2,1 miliardi di euro.

Recessione. Il dato, sottolinea una nota della confederazione, conferma le maggiori difficoltà dell'Italia a superare la recessione rispetto agli altri paesi europei. Tanto che, a fine 2019, i consumi italiani a prezzi correnti saranno ancora 5 miliardi in meno dei livelli registrati nel 2011.    Le cause del rallentamento, osserva Confesercenti, sono in prevalenza esterne, legate alle problematiche internazionali. Ma a pesare sui consumi italiani - e, di conseguenza, sullo sviluppo dell'intera economia - è certamente anche la mancata crescita del potere d'acquisto delle famiglie, fermo ormai da otto anni: nel 2019, infatti, è ancora invariato rispetto al 2011.  Una situazione di stallo che ha influito pesantemente sul mercato interno e sulle Pmi che ad esso fanno riferimento: nello stesso periodo, infatti, si registra la perdita di 360mila occupati indipendenti, tra imprenditori e collaboratori familiari, di cui quasi la metà (168mila) nel commercio.

Articoli Correlati

Inflazione sotto 1%"Spesa famiglie in frenata"

Istat: dato più basso da aprile 2018. Confesercenti: "Debolezza del mercato interno, aumento Iva sarebbe mannaia"

Vacanze, al ristoranteè record di spesa

Nei mesi estivi investiti più soldi per cibo che per alloggi: ben 17 miliardi

Gas e luce da luglioarriva la stangata

Pronto a scattare un aumento dei prezzi per le tensioni internazionali e l'aumento della quotazione del petrolio