Neonato morto indaga la procura

  • TORINO

TORINO «Vogliamo giustizia, continuiamo a guardare le sue foto ed è tutto ciò che ci rimane». Sono le parole dei genitori del bimbo morto a soli 20 giorni di vita, il 2 febbraio, dopo essere stato dimesso dall’ospedale con una terapia a base di aerosol.

L’indagine
La procura di Torino ha aperto un inchiesta e l’accusa a carico di ignoti è di omicidio colposo. Stando alle prime ipotesi dopo l’autopsia effettuata dal medico legale Francesco Bison, la causa della morte potrebbe essere stata una broncopolmonite. Ma saranno i risultati delle analisi a dirlo con precisione. Il bimbo non riusciva a mangiare, dormiva spesso ed aveva all’improvviso dei forti attacchi di tosse uniti a piccoli svenimenti. Così dopo essere andati dal pediatra, i genitori il 31 gennaio, preoccupati, hanno deciso di andare all’ospedale Maria Vittoria per assicurarsi che non fosse niente di grave. Dopo le visite, i medici hanno dimesso il piccolo prescrivendo una terapia a base di aerosol. Due giorni dopo, la mattina del 2 febbraio, il bambino è svenuto ma il personale sanitario, che ha cercato di rianimarlo per un’ora, non è riuscito a salvarlo. È deceduto subito dopo essere arrivato in ospedale. I genitori, il padre 40enne e la madre di 29 anni, entrambi italiani di origine marocchina, che seguiti dagli avvocati Enzo Pellegrin e Federico Milano chiedono risposte.

CRISTINA PALAZZO

Articoli Correlati

Truffe religioseper 400mila euro

Raggiri in tutta Italia, tra le vittime anche un arcivescovo

Casavo boom a Torino:transazioni in tempi record

Casavo, primo Instant Buyer immobiliare italiano, fa boom a Torino ad appena un mese dallo sbarco

Tre arresti per i pacchiesplosivi del 2017

I plichi erano indirizzati ai pm Rinaudo, Sparagna, e al direttore generale del Dap, Consolo. Confermata la pista anarchica