Ucciso per debiti Preso l'assassino

  • TORINO

TORINO Un regolamento di conti a pistolettate è finito con un morto, un ferito grave e un arrestato. Sabato sera a Carmagnola due gruppi della comunità indiana, una dozzina di operai che lavorano tra le province di Torino e Cuneo, si sono incontrati in centro.

Un appuntamento fatale: lì c’è stata la prima lite che ha riacceso vecchi rancori di affari che sono sfociati in una sparatoria lungo la strada per Casalgrasso, nel Cuneese. A perdere la vita Raj Baldev, 41 anni. L’uomo era in auto con un amico quando sono stati bloccati all’altezza di via del Porto, in una zona buia, e l’auto è stata crivellata di colpi. Raj, incensurato e residente a Faule, è morto sul colpo per le ferite all’addome e al torace. L’amico 38enne invece è ricoverato al Cto, colpito al polso. L’ipotesi dei carabinieri che hanno trovato a terra un proiettile inesploso è che si sia salvato grazie alla pistola che si sarebbe inceppata ma che non è stata ancora trovata. Poi la fuga, che però è terminata dopo poche ore: i militari hanno rintracciato l’auto dei fuggitivi e hanno arrestato Bikram Singh, 43 anni, e denunciato tre connazionali, tra cui il fratello. L’uomo finito in manette ha reso le prime ammissioni: ora si attendono le indagini della sezione investigazioni scientifiche, che hanno sottoposto al guanto di paraffina il 43enne.

CRISTINA PALAZZO

Articoli Correlati

Truffe religioseper 400mila euro

Raggiri in tutta Italia, tra le vittime anche un arcivescovo

Casavo boom a Torino:transazioni in tempi record

Casavo, primo Instant Buyer immobiliare italiano, fa boom a Torino ad appena un mese dallo sbarco

Tre arresti per i pacchiesplosivi del 2017

I plichi erano indirizzati ai pm Rinaudo, Sparagna, e al direttore generale del Dap, Consolo. Confermata la pista anarchica