Ucciso per debiti Preso l'assassino

  • TORINO

TORINO Un regolamento di conti a pistolettate è finito con un morto, un ferito grave e un arrestato. Sabato sera a Carmagnola due gruppi della comunità indiana, una dozzina di operai che lavorano tra le province di Torino e Cuneo, si sono incontrati in centro.

Un appuntamento fatale: lì c’è stata la prima lite che ha riacceso vecchi rancori di affari che sono sfociati in una sparatoria lungo la strada per Casalgrasso, nel Cuneese. A perdere la vita Raj Baldev, 41 anni. L’uomo era in auto con un amico quando sono stati bloccati all’altezza di via del Porto, in una zona buia, e l’auto è stata crivellata di colpi. Raj, incensurato e residente a Faule, è morto sul colpo per le ferite all’addome e al torace. L’amico 38enne invece è ricoverato al Cto, colpito al polso. L’ipotesi dei carabinieri che hanno trovato a terra un proiettile inesploso è che si sia salvato grazie alla pistola che si sarebbe inceppata ma che non è stata ancora trovata. Poi la fuga, che però è terminata dopo poche ore: i militari hanno rintracciato l’auto dei fuggitivi e hanno arrestato Bikram Singh, 43 anni, e denunciato tre connazionali, tra cui il fratello. L’uomo finito in manette ha reso le prime ammissioni: ora si attendono le indagini della sezione investigazioni scientifiche, che hanno sottoposto al guanto di paraffina il 43enne.

CRISTINA PALAZZO

Articoli Correlati

'Ndrangheta, sgominatala cosca delle videoslot

Attentati e minacce contro gli amministratori di Carmagnola: 17 arresti

Sesso con un 14enne Arrestata infermiera

La donna, di 42 anni, avrebbe anche ceduto al giovane marijuana. La storia scoperta dallo zio del ragazzo

Il popolo No-Ztl scende in piazza

Dopo settimane di mobilitazione, lunedì la manifestazione contro la giunta Appendino