Diciotti, in Procura atti di Conte, Di Maio e Toninelli

  • il caso diciotti

Alla Procura di Catania  sono stati recapitati anche gli atti, firmati dal premier, Giuseppe Conte e dai ministri Luigi Di Maio e Danilo Toninelli, allegati alla memoria del ministro dell'Interno, Matteo Salvini, sotto esame della Giunta per le immunità del Senato sul caso "Diciotti". Gli atti sono stati trasmessi dalla presidenza di Palazzo Madama. La notizia si è appresa oggi in ambienti giudiziari nel capoluogo etneo.

Il voto M5S. Lunedì il verdetto della base M5S e martedi' il voto in Senato. Insomma una settimana cruciale per il caso che coinvolge Matteo Salvini, per cui il Tribunale dei ministri chiede l'autorizzazione a procedere a Palazzo Madama, accusandolo del sequestro aggravato dei 177 migranti della nave. Nel voto della giunta per le elezioni e immunità del Senato, i pentastellati dovrebbero respingere la richiesta del Tribunale ma permane l'incognita del voto online che si terrà la vigilia, dopo che il Movimento ha deciso di consultare gli iscritti sulla piattaforma Rousseau.    "Sono tranquillissimo, gli italiani sanno che ho agito per il loro bene e la loro sicurezza", ha fatto sapere il ministro dell'Interno. Manlio Di Stefano, sottosegretario M5S agli Esteri, ha chiarito come si comporterà la dirigenza nel caso in cui la base esprima un voto a favore dell'autorizzazione a procedere contro il vice premier leghista. "Se il popolo M5s voterà sì, noi voteremo sì in giunta", ha assicurato. Salvini domani partirà per fare campagna elettorale in Sardegna e starà fino a martedì, quando tutto sarà finito.

Articoli Correlati
il caso diciotti

Chiesta archiviazioneper Conte, Di Maio e Toninelli

Notificata la richiesta di archiviazione sul caso Diciotti da parte della Procura di Catania
il caso diciotti

Salvini, no al processocon i voti del M5S

Dalla Giunta per immunità no alla richiesta di autorizzazione a procedere contro Salvini. Giarrusso (M5S) fa il gesto delle manette ai Pd
il caso diciotti

Diciotti, voto online M5Sin favore di Salvini

Nella consultazione web del M5S ha prevalso la scelta di negare l’autorizzazione a procedere