Rapid Vienna-Inter 0-1 Lautaro cancella Icardi

  • Europa League

CALCIO I fatti parlano da soli: mentre a Vienna l’Inter  batteva l’Austria Vienna con un gol al 39’ su rigore dell’attaccante di scorta Lautaro Martinez, l’ammutinato Mauro Icardi postava beato sui social una foto con la moglie per San Valentino.
Aspettando di capire quando e se si ricomporrà la frattura l’ ormai ex capitano l’Inter si gode insomma il suo splendido alter ego. Indossa il numero dieci, ha il sangue argentino come Maurito e -guarda un pò- adesso sta iniziando pure  a segnare con una certa regolarità (suo anche il gol vittoria contro il Parma). L’1-0 in trasferta fa ben sperare in ottica qualificazione agli ottavi, soprattutto perché il Rapid è sembrato poca cosa, in particolare da centrocampo in su, nonostante qualche sofferenza di troppo per Handanovic e compagni nel finale. Dietro a Lautaro agiscono Perisic, Nainggolan e Politano. In difesa sugli esterni conferma per Asamoah, mentre a destra tocca nuovamente a Cedric Soares. In mezzo spazio a Miranda accanto a De Vrij. L’Inter soffre solo quando la gara si incattivisce ma, quando gli austriaci si fannom pericolosi c’è il nuovo capitano a togliere le castagne dal fuoco. «La fascia è stat una cosa inaspettata - ha detto Handanovic a fine gara - ma ora bisogna parlare dell’Inter». Ausilio è stato invece più esplicito: «Icardi? Nel calcio come in qualsiasi ambiente deve prevalere il noi rispetto all’io. Se questo non avviene bisogna prendere dei provvedimenti». In serata, il Napoli ha battuto in Svizzera 3-1 lo Zurigo.    

 

Articoli Correlati

La finale di Europa Leagueparla solo inglese

Il Chelsea di Sarri passa all'ultimo rigore. Una tripletta di Aubameyang promuove l'Arsenal.

Napoli-Arsenal 0-1L'Italia esce dall'Europa

Il Napoli, unica squadra rimasta in corsa dopo l’eliminazione shock della Juventus dalla Champions League, perde anche in casa contro i Gunners

Arsenal-Napoli 2-0Gli azzurri ko all'Emirates

Va ai Gunners il primo atto dei quarti di finale di Europa League mentre ai partenopei, soprattutto nel primo tempo, "mancano" tutti i suoi big