Ma l'immigrazione non è un fatto locale

  • Umberto Silvestri

I fatti, come ben sappiamo e gli avvenimenti che avvengono nel  mondo  ormai si rincorrono velocemente senza soluzione di continuità. Ogni giorno c’è un’emergenza e quelle che una volta venivano liquidate come “questioni estere” che riguardavano un altro paese o un altro continente erano per noi, piccolo stato in mezzo al mare, solo echi lontani. Oggi invece in un mondo globalizzato e nel villaggio comune che è la Terra, ciò che succede a Los Angeles, a Voghera o ad Aix en Provence avviene nel tinello di  casa nostra portato dalla tv, da internet e dagli altri strumenti di comunicazione. Così come, per passare ad altro, se un barcone con cento emigranti arriverà nel Mediterraneo, le ripercussioni si sentiranno certo in Italia e a Malta, ma anche a Berlino, a Vienna e a Budapest. Questo per dire che tutto si tiene insieme, tutto è legato da un unico filo e un unico destino che si tratti di uomini o natura. L’immigrazione africana ad esempio, ma anche quella messicana, filippina o coreana non è un affare “locale” che riguarda un solo paese, ma l’intero pianeta;  quei migranti prima o poi, alla ricerca di uno straccio di vita decente, continueranno a muoversi da un luogo all’altro fino ad arrivare nel posto che loro riterranno sicuro e definitivo. Il mondo ha milioni di anni e non lo fermeremo all’improvviso con un muro. Ci hanno già provato in altre epoche e in diversi contesti e hanno sempre fallito. Esso ha sempre ripreso a girare, la primavera a tornare, e gli uomini  a partire.  Alcuni affonderanno ma ne arriveranno altri e poi altri ancora e noi fra venti o trent’anni  staremo stupefatti a chiederci di nuovo perché: perché non abbiamo agito per tempo.

UMBERTO SILVESTRI

Articoli Correlati
Umberto Silvestri

Ma in che mondostiamo vivendo?

L'opinione di Umberto Silvestri
Umberto Silvestri

Che cosa ci aspettacon il "nuovo" Brasile

L'opinione di Umberto Silvestri
Umberto Silvestri

Migranti, è unaquestione epocale

L'opinione di Umberto Silvestri