Granelli: «Su tariffe Atm andremo avanti da soli»

  • Milano

«Noi andiamo avanti, ci sono le possibilità tecniche di farlo nelle pieghe dei regolamenti, con l’agenzia di bacino di Milano, per partire con gli adeguamenti tariffari ad aprile come deciso, anche senza il placet della Regione». Dopo una settimana finita a schiaffi tra Comune e Regione, quest’ultima spalleggiata dal Ministro Salvini, sul tema dell’integrazione tariffaria, per la quale il Pirellone chiede più tempo, l’assessore ai trasporti di Milano Marco Granelli rilancia.
La Regione ha preso tempo per ulteriori verifiche: perchè non potete rinviare gli aumenti di sei mesi e accontentarvi dell’adeguamento Istat a 1,70?
«Ne abbiamo bisogno: il tema è che a fronte di 13 milioni di chilometri in più di trasporto pubblico dal 2011 e 65 milioni in più all’anno le risorse dal fondo regionale sono calate di 17 milioni. Questo il dato».
E quindi lo fate pagare ai passeggeri aumentando a 2 euro il biglietto? Politicamente non è molto popolare, ammetterà.
«Quei 50 centesimi in più li pagheranno solo i passeggeri occasionali, i turisti, chi viene ogni tanto».
Che però magari a quel punto preferirà prendere l’auto, dicono i critici.
«I numeri dicono che in un anno i passeggeri di Atm sono aumentati del 6%, un record. Tre quarti dei viaggi sono fatti da pendolari, Noi vogliamo che sempre più pendolari scelgano il mezzo pubblico e per questo la nostra manovra prevede che gli abbonamenti restino invariati o in certi casi addirittura diminuiscano».
La Regione dice che voi pensate solo ai milanesi, loro a  tutti i lombardi.
«Al contrario, con la nostra manovra tariffaria  per esempio uno studente di Cormano spenderà, con l’abbonamento, il 25% in meno di quello che spende oggi. Comunque ricordo che nel 2018 alla Regione sono andati 24 milioni per il tpl, che sono stati messi tutti su Trenord, facendo pagare sì a tutti i cittadini lombardi l’inefficienza della loro controllata. In 7 anni Regione Lombardia ha tolto a Milano 17 milioni di euro annui, e dal 2020 prevede di diminuire ancora di almeno 6 altri milioni. Perché?».
Lei conferma comunque la tabella di marcia: Area B il 25 febbraio e biglietto a 2 euro ad aprile?
«Confermo».
PAOLA RIZZI @paolarizzimanca

 

Articoli Correlati

Piazza Fontana, 50 anni dopo Milano non dimentica

Il tributo alle vedove delle 17 vittime e a Licia Pinelli e Gemma Calabresi

Sala: «Milano chiede scusaalla famiglia Pinelli»

Una targa e un albero per ricordare l'anarchico morto 3 giorni dopo la strage di Piazza Fontana

Primi passi per il MeetAperti gli uffici, via ai primi workshop

Il centro di cultura digitale ha lanciato una call per artisti