La ricchezza arcinota nel mezzo dei "mea culpa"

  • Maurizio Guandalini

Bacio le mani. A Davos, nelle valli svizzere dei Grigioni, un cenacolo di bon vivant dell’economia e della politica, dicono tre o quattro robette, arcinote, sul futuro. Che ci riguarda. Ripetersi è un gioco da ragazzi. Mentre intorno si recita il mea culpa. Mea maxima culpa. Chissà se si vergogneranno un pochino a sentire che i ricchi diventano più ricchi e che diminuisce la povertà dei più indigenti? Qualcosa con i migranti dall’Africa c’entra. Così la faccenda delle ex colonie. Tante francesi, briciole quelle italiane. Spremute ancora. E la guerra di Libia per il petrolio.
Meravigliarsi dell’esodo di popolazioni alla ricerca di migliori condizioni di vita è da astuti gonzi. Come chiedersi dove abbiamo sbagliato. Da noi, seduti ai piedi della piramide, su su, alle élite, che coincidono con il portafoglio a fisarmonica. Serve niente il sapere, ma i quatren. Come si può negare che  stiamo meglio di 40, 50 anni fa? Il mix globalizzazione e tecnologie è stato fulminante. E ha giovato anche a chi stava peggio. Ovunque. Salvo imprevisti. Di cui quei morti in mezzo al mare Mediterraneo sono la cambiale. Pure il verso, aiutarli a casa loro, rimane uno slogan ideologico. Vuoto. Perché chissà mai si realizzerà. Il Piano Marshall. 50 miliardi di euro. Andiam, andiam, andiamo a lavorar. Che ideona! Ma i soldi, i besi, girano. Tanti. Tra pochi. Il film del 1974, con Alberto Sordi, “Finché c’è guerra, c’è speranza”, era la storia di un mercante arricchitosi con il commercio illecito di armi con i paesi africani. Oggi si svuotano i giacimenti di columbite-tantalite, polvere di Coltan, per produrre dei micro condensatori per gli smartphone. Loro, tanti bambini a gattoni dentro le miniere a scavare, pagano i vizi spendi e spandi. Di crescita, del nostro tenore di vita. Qualunquismo delle ceneri? Con la pancia piena la retorica viene bene. Poi c’è chi si sporca le mani e passa per cattivone. I popoli del MedAfrica sono incavolati di brutto. Basterà quella pozzanghera d’acqua a frenare la rabbia?

MAURIZIO GUANDALINI

Articoli Correlati
Maurizio Guandalini

Noi che non siamola Svizzera...

L'opinione di Maurizio Guandalini
Maurizio Guandalini

Un turbinoso labirintoin cerca di escamotage

L'opinione di Maurizio Guandalini
Maurizio Guandalini

L'autonomia va benese sposata alla responsabilità

L'opinione di Maurizio Guandalini