Grugliasco rinasce Piano da 200 milioni

  • TORINO

TORINO Non una semplice riqualificazione, la città di Grugliasco e soprattutto le borgate Lesna e Quaglia sono pronte a cambiare volto con un progetto da oltre 200  milioni di euro, che mira a intrecciare in un unico luogo soggetti e visioni.

Dove c’erano degrado, rifiuti e occupazioni abusive, sorgerà un grande spazio che fonderà il centro commerciale completamente rinnovato col recupero dell’area della cascina Armano, una nuova fermata ferroviaria e un multisala da 2.200 posti. È questa la novità più attesa in una città in cui il grande schermo manca da decenni e che costringe molti a migrare per una serata al cinema, e presto potranno scegliere tra 12 sale diverse.

Un grande progetto che vede coinvolti diversi soggetti, tra cui il Comune, Rfi che sta completando il progetto definitivo della nuova fermata di Borgata Quaglia-Le Gru (destinata a oltre 13milioni di potenziali fruitori) e la shopville che a un quarto di secolo si rinnoverà: il primo asse del progetto sarà costituito proprio dalla riqualificazione dell’area della Cascina Armano che ruoterà attorno al cinema inoltre è previsto il completamento dell’intervento residenziale in via Vittorio come da piano regolatore.

«Questa operazione è il frutto di un lungo lavoro svolto da tutti gli attori insieme agli uffici tecnici del Comune», ha spiegato il sindaco Roberto Montà, che ha aggiunto: «Porterà oltre 5 milioni di euro nelle casse comunali che verranno in parte investiti nel commercio locale e di vicinato e 300 posti di lavoro con la possibilità di stringere accordi in collaborazione con il Centro per l’Impiego per il collocamento di quote di lavoratori residenti a Grugliasco».

CRISTINA PALAZZO

Articoli Correlati

Una superperiziaper il caso Ream

Il gup ha accolto la richiesta dei legali della sindaca Appendino, l'ex braccio destro Giordana e l'assessore Rolando e il dirigente comunale Rubbia

Neonato mortoindaga la procura

Il piccolo dimesso dal Maria Vittoria con una semplice terapia di aerosol aveva la polmonite

Servizi anagraficidall'edicolante

La novità “elimina code” sarà disponibile da marzo