Sulla Varese-Milano l'odissea dei pendolari

  • Milano

«Ormai l’orario è inutile consultarlo: si va in stazione e si comincia a compulsare tutte le app, facebook, whastapp per capire quale sarà il primo treno utile reale». È scoraggiato Raffaele Specchia, portavoce dei pendolari che ogni giorno viaggiano sulla linea Varese Milano. Negli ultimi giorni è stato uno stillicidio di guasti. Questa volta la responsabilità non sarebbe di Trenord ma di Rfi cioè della rete. Lunedì a provocare ritardi fino ad 80 minuti un  guasto a Induno, mentre ieri non ha funzionato il sistema di distaziamento tra treni ad Albizzate, con ritardi fino a 30 minuti e cancellazioni. Lo stesso tipo di guasto si era verificato anche venerdì. Disagi attribuiti da Rfi da interventi di manutenzione straordinaria o alla rottura di un relais. Ma anche Trenord non è esente da colpe: «Manca totalmente la comunicazione. Gli annunci non ci sono o sono approssimativi e così saliamo sui treni senza certezze. Così non va». 
PAOLA RIZZI

Articoli Correlati

Sala: «Milano chiede scusaalla famiglia Pinelli»

Una targa e un albero per ricordare l'anarchico morto 3 giorni dopo la strage di Piazza Fontana

Primi passi per il MeetAperti gli uffici, via ai primi workshop

Il centro di cultura digitale ha lanciato una call per artisti

«In piazza Fontana morìmio nonno Pietro Dendena»

Matteo, 31 anni ha preso il testimone dalla zia Francesca, indomita presidente dell'associazione dei familiari