Sulla Varese-Milano l'odissea dei pendolari

  • Milano

«Ormai l’orario è inutile consultarlo: si va in stazione e si comincia a compulsare tutte le app, facebook, whastapp per capire quale sarà il primo treno utile reale». È scoraggiato Raffaele Specchia, portavoce dei pendolari che ogni giorno viaggiano sulla linea Varese Milano. Negli ultimi giorni è stato uno stillicidio di guasti. Questa volta la responsabilità non sarebbe di Trenord ma di Rfi cioè della rete. Lunedì a provocare ritardi fino ad 80 minuti un  guasto a Induno, mentre ieri non ha funzionato il sistema di distaziamento tra treni ad Albizzate, con ritardi fino a 30 minuti e cancellazioni. Lo stesso tipo di guasto si era verificato anche venerdì. Disagi attribuiti da Rfi da interventi di manutenzione straordinaria o alla rottura di un relais. Ma anche Trenord non è esente da colpe: «Manca totalmente la comunicazione. Gli annunci non ci sono o sono approssimativi e così saliamo sui treni senza certezze. Così non va». 
PAOLA RIZZI

Articoli Correlati

L'Oasi del clochard chiudeL'appello di Furlan dei City Angels

Esperimento unico in Europa sotto sfratto

Sala scrive ai milanesi«Aumento Atm per il futuro»

Dopo il muro contro muro Regione verso l’accordo tariffario

I nostalgici del Meazza già sul piede di guerra

Sala: «Ne discuterà il consiglio comunale»