Quando l’autismo diventa un Minotauro

  • Milano/Teatro

MILANO Scocca il tempo di nuovi debutti all’Elfo Puccini in questo primo mese del 2019. Una prima nazionale è quella che segna, stasera, alle 21, alla Sala Fassbinder il ritorno, nelle vesti di drammaturgo, del talentuoso Tindaro Granata  che mette in scena, fino al 3 febbraio, la sua nuova pièce, “Dedalo e Icaro”, con la regia di Giacomo Ferraù e di Francesco Frongia.

Lo spettacolo per quattro attori - Giulia Viana, Libero Stelluti, Giacomo Ferraù e Vincenzo Giordano -  racconta con delicatezza la sindrome autistica attraverso una rilettura moderna del mito greco di Icaro che viveva nel labirinto di Cnosso, costruito dal padre Dedalo. 

«I due prendono vita sulla scena - spiegano i due registi - per descrivere il dramma dell’isolamento sociale in cui le famiglie e le persone autistiche si ritrovano. Cercano l’uscita dal labirinto dove si aggira lo spettro del Minotauro che li vuole mantenere rinchiusi con lui. Dedalo costruisce le ali per il figlio, nella speranza di poterlo liberare, con l’unica arma che ha a disposizione: un amore incondizionato». 

Altra prima di oggi all’Elfo, con repliche fino a domenica, alla Sala Shakespeare, è “Tempo di Chet” che, con la regia di Leo Muscato, narra  la vita di Chet Baker, celebre trombettista e cantante statunitense, con le presenze carismatiche del trombettista Paolo Fresu, del pianista Dino Rubino, del contrabbassista Marco Bardoscia e di otto attori in scena (Info: elfo.org).

ANTONIO GARBISA

Articoli Correlati

L’Elfo Puccini puntasulla drammaturgia francese

L’apertura del cartellone è affidata alla maratona “Angels in America” in cui il protagonista è Angelo Di Genio

«I diritti dei gay con Costantino hanno più verve»

Giorgio Bozzo firma la regia di “The Boys in the Band” tradotto da Della Gherardesca

FOG riparte con la prima della Müller

“Horse-camp” della coreografa croata stasera darà il via al festival in Triennale