Ancora insulti razzisti Ancelotti: “Non se ne può più”

  • Calcio

CALCIO Cinque espulsi. Non bastasse, gli insulti razzisti del pubblico verso un giocatore di colore. Quindi una violenta rissa sugli spalti con protagonisti anche alcuni genitori degli atleti. È successo sabato in provincia di Parma nella gara Juniores fra Marzolara e il Fontanellato.

«Ho avuto la fortuna di stare all’estero nove anni e queste cose sono state debellate. Quello che è stato fatto è sotto gli occhi di tutti. Non si può fare, si deve fare. Non credo sia una cosa tanto complicata». Carlo Ancelotti, allenatore del Napoli, intervenuto ad un evento all’Università "Vanvitelli" è tornato sulla questione dei cori razzisti. «Purtroppo in questo senso in Italia il calcio non è cambiato. Ignoranti e maleducati dovrebbero fare un corso di educazione e senso civico. Non se ne può più», ha proseguito il tecnico. «Ho sentito l’intervista del presidente della Federcalcio Gravina, stanno facendo dei passi per semplificare questa norma», ha proseguito Ancelotti, precisando: «Io non ho mai chiesto la sospensione delle partite. Forse non mi sono fatto capire. Abbiamo solo chiesto che quando c'è un insulto territoriale o razziale, in qualsiasi partita, questa si deve fermare».

 

Articoli Correlati

La Juve è campioneOttavo titolo consecutivo

La Juventus ha vinto lo scudetto battendo la Fiorentina 2-1 a Torino

Milan, grinta Cutroneper la volata in Europa

«Crediamo alla Champions»: l'attaccante rossonero, alla vigilia della gara contro il Parma, avverte tutti: «faremo di tutto per tornarci»

Adesso la Juve vuole la festa scudetto

Basta un punto per vincere lo scudetto, l’ottavo di fila. I bianconeri allo Stadium si troveranno di fronte la Fiorentina dopo la delusione Champions