«Lavorare con Chico è un gran regalo»

  • Roma/Musica

ROMA «“Caro Chico” nasce dal mio primo viaggio in Brasile; un viaggio che doveva essere  vacanza, ma che è diventato  studio e approfondimento dello sfaccettato universo della musica brasiliana. Mi sono concentrata sulla musica di Buarque che racconta  la cultura e la musica brasiliana, dalla tradizione alla modernità».
Così Susanna Stivali introduce “Caro Chico”,  dedicato a Chico Buarque,  che la cantante presenterà giovedì alle 21 al Parco della Musica. 

Cosa ha significato per lei collaborare e cantare una delle canzoni con Buarque? 
«È stato un regalo e un traguardo importantissimo. Ho avuto la fortuna di duettare con lui in italiano, proprio in “Morena dagl’occhi d’acqua”. Chico ama e conosce perfettamente la lingua italiana e abbiamo limato insieme un paio di punti del testo. Era lui il maestro:  ha replicato con un “Sono solo un maestro asciuga-sillabe!"»

Qual è la cosa più importante che le è rimasta di lui, artisticamente e umanamente? 
«Umanamente è una persona “piena di grazia”, non saprei come meglio descriverla. Dal punto di vista artistico è stato stupefacente come  abbia apprezzato e si sia incuriosito su come i suoi brani potessero essere restituiti partendo da un linguaggio apparentemente lontano da lui come quello del jazz». 
 
Quali sono i punti in comune fra la nostra cultura e quella brasiliana? 
«Per entrambi la musica rappresenta un luogo di scambio e un collante fondamentale per il tessuto sociale e la cultura. Credo però che in Brasile siano stati maggiormente in grado di far sopravvivere nel linguaggio dell’MPB contemporanea, alcuni aspetti legati alla tradizione musicale e linguistica, sviluppandoli in direzioni nuove».

STEFANO MILIONI

Articoli Correlati

XamVolo in concertoda Liverpool all’Alcazar

Il musicista sarà in concerto domani con i brani dell’album “All the Sweetness on the Surface”

Riccardo Sinigallia riempie il Monk

Tutto esaurito il concerto di sabato in cui il cantautore eseguirà i brani dell’album “Ciao cuore”

Sollima in viaggioda Bach a Hendrix

Protagonista al Teatro Argentina per la rassegna “La musica da camera dal barocco al contemporaneo”