Vasco Brondi chiude Le luci della Centrale

  • Vasco Brondi

MILANO Stavolta siamo davvero ai titoli di coda. Pochi concerti, come quello di stasera (sold out) al Nazionale, e si chiuderà l’avventura di Le luci della centrale elettrica, progetto del cantautore ferrarese Vasco Brondi. L’occasione per un ripasso di carriera, dove si mescoleranno canzoni dal 2008 al ‘18 a letture e racconti dell’Italia vista dal finestrino per milioni di km. Il tutto con la vena compositiva ironica, rabbiosa e intensa di Brondi, che mesi fa ha pubblicato un libro che racconta la sua avventura musical-letteraria e il doppio cd 2008/2018 tra la via Emilia e La Via Lattea.

Un atto finale prima di una nuova partenza, col supporto di un supergruppo dove spicca il violino di Rodrigo D’Erasmo. «Sento di poter chiudere un progetto nato  all’improvviso e con stupore 10 anni fa e che si è evoluto tanto nel tempo, cambiando con me, regalandomi anche un futuro inverosimile – spiega Brondi – È il momento di alleggerirsi, di ripartire in altre direzioni e di farlo senza questo nome, credo sia rispettoso non utilizzarlo solo come sostegno o scudo».

In alternativa al Magnolia ritroveremo la giovane cantautrice norvegese Aurora, fra art pop e suggestioni nordiche, con  Infections of a Different Kind, Step 1, mentre al Sisal Wincity di piazza Diaz, ore 20.30 per Blue Note Off, concerto gratuito in omaggio a Billie Holiday con Simona Parrinello e Gianluca Di Ienno.

 

DIEGO PERUGINI

 

Articoli Correlati

Luci della Centraletra parole chitarre e computer

Il nuovo tour di Vasco Brondi approda al Monk di via Mirri per due serate da non perdere

Weekend di musica da Brondi agli Afterhours

Le Luci della Centrale Elettrica parte per una nuova avventura: sabato sarà all’Hiroshima