Aiuta vittime del pirata tassista travolto e ucciso

  • Milano

Lo hanno trovato alle 9 del mattino, a casa come se niente fosse, con l’auto distrutta parcheggiata in strada. Così è stato arrestato il pirata della strada che alle 3,30 di notte aveva provocato un incidente sulla Milano-Meda, avviando la tragica serie di eventi che ha causato la morte di un tassista intervenuto per soccorrere i feriti e travolto poi da altre due auto.
La vittima è Eugenio Fumagalli, un tassista di 47 anni. Mentre l’autista fuggito sarebbe  un giovane di 26 anni, a bordo di un’Audi che avrebbe tamponato a forte velocità una Fiat 600 con due fidanzati  a bordo di 21 e 19 anni nei pressi dell'uscita di Binzago, a Cesano Maderno. La macchina dopo l'impatto si è ribaltata, mentre lui si sarebbe allontanato. Il tassista sopraggiunto è sceso per prestare soccorso e nonostante indossasse il gilet giallo per rendersi visibile è stato preso in pieno da altri veicoli, una Clio e una Passat. I due autisti lievemente feriti hanno aiutato i due fidanzati incastrati nella Fiat, rimasti feriti in modo non grave e portati in ospedale sotto choc.
 Il giovane fuggito è stato rintracciato facilmente dal momento che la sua auto nell’impatto ha perso la targa e si sarebbe giustificato dicendo di aver avuto paura. È stato sottoposto all’alcoltest

 

Articoli Correlati

Sala: «Milano chiede scusaalla famiglia Pinelli»

Una targa e un albero per ricordare l'anarchico morto 3 giorni dopo la strage di Piazza Fontana

Primi passi per il MeetAperti gli uffici, via ai primi workshop

Il centro di cultura digitale ha lanciato una call per artisti

«In piazza Fontana morìmio nonno Pietro Dendena»

Matteo, 31 anni ha preso il testimone dalla zia Francesca, indomita presidente dell'associazione dei familiari