Aiuta vittime del pirata tassista travolto e ucciso

  • Milano

Lo hanno trovato alle 9 del mattino, a casa come se niente fosse, con l’auto distrutta parcheggiata in strada. Così è stato arrestato il pirata della strada che alle 3,30 di notte aveva provocato un incidente sulla Milano-Meda, avviando la tragica serie di eventi che ha causato la morte di un tassista intervenuto per soccorrere i feriti e travolto poi da altre due auto.
La vittima è Eugenio Fumagalli, un tassista di 47 anni. Mentre l’autista fuggito sarebbe  un giovane di 26 anni, a bordo di un’Audi che avrebbe tamponato a forte velocità una Fiat 600 con due fidanzati  a bordo di 21 e 19 anni nei pressi dell'uscita di Binzago, a Cesano Maderno. La macchina dopo l'impatto si è ribaltata, mentre lui si sarebbe allontanato. Il tassista sopraggiunto è sceso per prestare soccorso e nonostante indossasse il gilet giallo per rendersi visibile è stato preso in pieno da altri veicoli, una Clio e una Passat. I due autisti lievemente feriti hanno aiutato i due fidanzati incastrati nella Fiat, rimasti feriti in modo non grave e portati in ospedale sotto choc.
 Il giovane fuggito è stato rintracciato facilmente dal momento che la sua auto nell’impatto ha perso la targa e si sarebbe giustificato dicendo di aver avuto paura. È stato sottoposto all’alcoltest

 

Articoli Correlati

I fondi Covid nelle tasche delle 'ndrine

Alle società controllata dai clan arrivati almeno 65 mila euro. E puntavano a un prestito agevolato da 150 mila eruo

Contributi Covid alle imprese delle cosche

Sgominata maxi frode sui fondi per l'emergenza

Allarme dei medici«Prepariamoci all'autunno»

L'ordine lombardo teme influenza più il Covid