Un nuovo record per Tiger Woods: 137 test di paternità

  Sembra una bufala. Invece è terribilmente, incredibilmente, follemente, vero. Tiger Woods all’elenco dei suoi record può aggiungere anche questo: dopo una causa di sette anni, il tribunale di Miami gli ha ingiunto di sottoporsi a un totale di addirittura 137 test di paternità, accettando le richieste di 121 donne che hanno sostenuto di aver avuto rapporti sessuali col campione di golf, e aver avuto un figlio da lui. Molte di loro, che erano presenti in aula al momento del verdetto, hanno salutato la sentenza gridando e piangendo di gioia. Una di loro, Molly Sanders, intervistata da WFNC-TV, ha commentato: “Sono assolutamente estatica! Mio figlio Tommy ha otto anni e io ho lottato per quasi tutta la sua vita perché avesse il diritto di vedere suo padre”. La corte ha concesso trenta giorni al fuoriclasse statunitense per sottoporsi al test del DNA, pena l’arresto e severe multe. Ma i suoi legali hanno confermato che il famoso cliente non si opporrà in alcun modo alla decisione della corte e farà tutti i test necessari. Ascesa e declino di un recordman  Tiger è considerato il più grande golfista di tutti i tempi. Dotato di una grande classe, di una particolare fantasia nella ricerca dei colpi per raggiungere la buca, ha aperto la strada verso un golf più potente nel primo colpo, il drive, e lo ha sdoganato come sport popolare molto più dei grandi campioni che l’hanno preceduto, come Jack Nicklaus. Ha stabilito una serie incredibile di record di precocità, si è aggiudicato 107 tornei di cui 80 sul Pga tour e 14 Slam (a quattro titoli dal record di Nicklaus, anche se è a digiuno dell’Us Open 2008). Dominando la scena dal 1990 ai primi anni del 2000, è rimasto al numero 1 della classifica mondiale per 683 settimane complessive (un record), 281 consecutive (dal 12 giugno 2005 al 30 ottobre 2010), unico della storia ad essere stato contemporaneamente campione in carica in tutti e quattro i Majors, a cavallo tra il 2000 e il 2001. Accumulando una fortuna fra premi ufficiali, sponsor e indotto, fino a diventare nel 2014 il primo atleta di sempre di tutti gli sport ad aver superato un miliardo di dollari di guadagni.  Tiger Woods è poi rimasto schiacciato dalle avventure extraconiugali che l’hanno portato al divorzio da Elin Nordgren, a subire denunce da parte di decine di donne, quindi alla crisi come atleta, all’abbandono di molti sponsor, alle sedute di riabilitazione per guarire dalla dipendenza dal sesso, al forzato distacco dal golf, a un diffide e lungo recupero, a tanti annunci di rientro alle gare - rinviati e cancellati -, a due operazioni alla schiena, a molti dubbi sulle reali possibilità di un recupero allo sport, all’arresto, alle 3 del mattino del 29 maggio 2017, perché si trovava sotto l’effetto di cinque diversi tipi di droghe alla guida della sua auto, a nuovi segnali negativi sul suo possibile recupero al golf, e invece poi  a una serie di confortanti risultati dal marzo dell’anno scorso fino a cogliere un altro successo il 23 settembre a East Lake, e a rientrare dal numero 1000 del mondo ai primi 20, rilanciandosi in modo clamoroso e rilanciando anche il suo sport. Che, senza di lui, ha avuto cali di audience tv anche del 50%.  In attesa di rivincere un altro Major, come lo ritengono capace i bookmakers, Tiger ha ora stabilito un altro primato in tribunale, legato alle sue infedeltà coniugali. Speriamo che questo nuovo caos umano non lo stoppi ancora sul green.     AGI