"Sono terrorizzato dai tagli ai servizi"

  • Milano

COMUNE La manovra del governo «aiuta i piccoli comuni»,  ma «penalizza i grandi e mette in difficoltà  Milano. Sono terrorizzato da quello che dovremo fare sul bilancio». È l’attacco frontale alla legge Finanziaria sferrato ieri dal sindaco di Milano, Giuseppe Sala, dal direttivo dell’Anci. Il quale si è deto certo che con i tagli previsti si avranno non nuove tasse, ma una diminuzione dei servizi. «A Milano abbiamo un problema a chiudere il bilancio molto significativo, siamo in altissimo mare. Non toccheremo le tasse e le esenzioni, ma con le misure contenute nella manovra - ha aggiunto - i milanesi dovranno aspettarsi un decadimento dei servizi. Anche con l’introduzione della “quota 100” avremo centinaia di uscite tra i dipendenti pubblici, e meno dipendenti vuol dire quasi sempre anche meno servizi». Per far cassa, la Finanziaria ha previsto la  rimozione del blocco delle aliquote locali e delle addizionali su Irap, Imu/Tasi e Irpef. Secondo uno studio di Moody’s, gli enti locali potrebbero “ raccogliere fino a due miliardi di entrate aggiuntive, pari al 10% dei loro margini correnti”. Nel report  l’agenzia ricorda poi che “l’addizionale Irpef è ancora pari a zero in oltre la metà dei 7.954 comuni italiani”. Ma non a Milano, dove l’aliquota massima è stata fissata nel 2016 allo 0,8%, con un esenzione totale per i redditi fino a 21 mila euro.  

Articoli Correlati

Sala: «Milano chiede scusaalla famiglia Pinelli»

Una targa e un albero per ricordare l'anarchico morto 3 giorni dopo la strage di Piazza Fontana

Primi passi per il MeetAperti gli uffici, via ai primi workshop

Il centro di cultura digitale ha lanciato una call per artisti

«In piazza Fontana morìmio nonno Pietro Dendena»

Matteo, 31 anni ha preso il testimone dalla zia Francesca, indomita presidente dell'associazione dei familiari