Baglioni, Bisio, Raffaele Sanremo senza ospiti stranieri

  • Sanremo 2019

SANREMO «Avremo il palcoscenico più grande nella storia di Sanremo. Nella scenografia disegnata da Francesca Montinaro, che riempiremo con un potente impianto di fotografia e illuminotecnica di Mario Catapano e la regia di Duccio Forzano». Così parlò Claudio Baglioni che – con Bisio e Virginia Raffaele, “fratello Sole e sorella Luna” compagni di viaggio – presenta la 69esima edizione del popolare Festival  in programma dal 5 al 9 febbraio. Un Sanremo che al momento (confermate le presenze di Bocelli col figlio, Giorgia ed Elisa) non prevede «nessun ospite straniero: perché è già internazionale di suo», spiega il direttore artistico.

E scherzando sul numero 69, Baglioni avvisa che «al di là dei giochetti, il numero richiama alcune simmetricità ma anche l’avvicinarsi degli opposti, e le diversità. Le note insieme formano l’accordo». Claudio Bisio (che fa il nome di Checco Zalone come ospite) spiega che quando è stato contattato per sondare la sua disponibilità come conduttore ha saputo che era l’edizione 69 e c’era l’ipotesi Raffaele come partner, «ho pensato a te (dice rivolto a Claudio, ndr) e Virginia...».

Fronte musicale caldo. «Da parte nostra non c’è stata censura sulle canzoni – assicura Baglioni a proposito delle chiacchiere sull’esclusione del brano dei Dear Jack e Pier Davide Carone – e mi spiace per la polemica, ma non ci sono intenzioni censorie». Poi, da artista sensibile al tema migrazioni (ricordando le sue iniziative per Lampedusa) chiosa: «Non si può pensare di risolvere il problema evitando lo sbarco di 40-50 persone né costruendo muri».

 

ORIETTA CICCHINELLI

 

Articoli Correlati

Sanremo GiovaniBaglioni svlela i 24 finalisti

Due serate evento, il 20 e il 21 dicembre, in diretta su Rai1 dal Teatro del Casinò, per laureare 2 giovani promesse e assegnare il passaporto da Big