I casi umani di Pintus destinati a estinguersi

  • Torino/Teatro

TORINO Il suo ultimo  successo era “Ormai sono una milf”, divertente riflessione sul mondo dei quarantenni di oggi, intrappolati in una mentalità da bambini che vogliono fare i grandi. 
Ora Angelo Pintus volta pagina e si presenta, da venerdì al 31 dicembre al Teatro Colosseo con il suo nuovo “Destinati all’estinzione”. 

Uno spettacolo che fa divertire ma anche pensare, tra ironia e rappresentazione di uno spaccato della società odierna. Un titolo che contiene anche una minaccia per l’umanità che il comico triestino, classe 1975, viviseziona senza pietà e senza sconti, in modo ironico e schietto, analizzando i suoi bizzarri protagonisti e le loro  contraddizioni. 

Ecco allora che Pintus  finisce per raccontare di chi guida mentre manda messaggi con il cellulare, di chi è pronto a fare la rivoluzione ma solo su Facebook e di chi lascia la macchina nel posto riservato ai disabili perché “tanto sono cinque minuti”. 

Senza dimenticare altri “casi umani”, sempre cari all’ironia di Pintus, come chi festeggia il complemese e il mesiversario o chi segue pedissequamente tutte le teorie complottiste. 

Per il comico triestino, che ormai è diventato un vero e proprio fenomeno teatrale e mediatico, questi sarebbero i chiari indizi dell’inevitabile destino dell’umanità, ovvero l’estinzione Ed è proprio l’estinzione ad avvicinarsi senza far perdere troppo tempo, per lui,   irrimediabilmente (Info: teatrocolosseo.it).

ANTONIO GARBISA

Articoli Correlati

Notti Stellate ripartecon Corbetta e Savogin

Nella quarta edizione della rassegna Simone Savogin presenterà lunedì lo spettacolo “Via!” in anteprima assoluta

Un Edipo “scritto” sul corpo

In prima assoluta per il festival delle Colline Torinese stasera la nuova produzione Elsinor

La “marmellata” teatrale firmata dalle Kif-Kif Sister

A Lunathica, in prima nazionale le due canadesi con “Côté Confiture”