I casi umani di Pintus destinati a estinguersi

  • Torino/Teatro

TORINO Il suo ultimo  successo era “Ormai sono una milf”, divertente riflessione sul mondo dei quarantenni di oggi, intrappolati in una mentalità da bambini che vogliono fare i grandi. 
Ora Angelo Pintus volta pagina e si presenta, da venerdì al 31 dicembre al Teatro Colosseo con il suo nuovo “Destinati all’estinzione”. 

Uno spettacolo che fa divertire ma anche pensare, tra ironia e rappresentazione di uno spaccato della società odierna. Un titolo che contiene anche una minaccia per l’umanità che il comico triestino, classe 1975, viviseziona senza pietà e senza sconti, in modo ironico e schietto, analizzando i suoi bizzarri protagonisti e le loro  contraddizioni. 

Ecco allora che Pintus  finisce per raccontare di chi guida mentre manda messaggi con il cellulare, di chi è pronto a fare la rivoluzione ma solo su Facebook e di chi lascia la macchina nel posto riservato ai disabili perché “tanto sono cinque minuti”. 

Senza dimenticare altri “casi umani”, sempre cari all’ironia di Pintus, come chi festeggia il complemese e il mesiversario o chi segue pedissequamente tutte le teorie complottiste. 

Per il comico triestino, che ormai è diventato un vero e proprio fenomeno teatrale e mediatico, questi sarebbero i chiari indizi dell’inevitabile destino dell’umanità, ovvero l’estinzione Ed è proprio l’estinzione ad avvicinarsi senza far perdere troppo tempo, per lui,   irrimediabilmente (Info: teatrocolosseo.it).

ANTONIO GARBISA

Articoli Correlati

Pinocchio si moltiplica con Bustric

Domenica al Teatro Vittoria “Pinocchio libero tutti!” per la rassegna “Raccontami una nota”

Teresa Mannino raccontatutti i mali della Terra

L’artista siciliana sarà, in prima torinese, da stasera a domenica al Teatro Colosseo

Raul Cremona tra magia e risate

Domani e dopodomani l’artista sarà sul palco de Le Musichall con il suo show “Prestigi”