Conferenza sulla Libia arrivato anche Haftar

  • Libia

ROMA «L’Italia ha promosso questa conferenza perchè vuole offrire un contributo nel quadro delle Nazioni unite al processo di stabilizzazione della Libia. Lo facciamo per il popolo libico e perchè vogliamo che possa decidere in via democratica del proprio futuro. Tutto questo perchè cessino gli scontri armati e la Libia sia avviata ad un percorso di stabilizzazione». Così il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, in apertura della Conferenza sulla Libia a Palermo dove sono presenti 38 delegazioni in rappresentanza di 30 nazioni (con 10 capi di Stato e governo, oltre ad una ventina di ministri degli Esteri) e 8 organizzazioni mondiali. Lunedì Conte ha tenuto un incontro bilaterale con l’inviato speciale dell’Onu per la Libia, Ghassam Salamè. È giunto a Palermo anche il maresciallo libico della Cirenaica Khalifa Haftar. Ieri sera, però, non ha partecipato alla cena di lavoro collettiva. Conte dovrebbe avere colloqui bilaterali con tutti e quattro i rappresentanti delle fazioni libiche, compreso quindi lo stesso Haftar.

METRO

Articoli Correlati

Migranti, Gentiloni:"Abbiamo nostra agenda"

Il premier sulla decisione francese di costruire hotspot in Libia

Tensione a Tripolitra premier ed ex premier

Voci di un attacco di milizie armate a tre ministeri della capitale, ma altre fonti smentiscono il tentativo di colpo di Stato

Trattative in corsoper gli italiani rapiti

Le notizie non trovano conferma ma secondo fonti algerine ci sarebbero trattative in corso e la richiesta di un riscatto