La dama di Calderon al Teatro Grassi

  • Milano/Teatro

MILANO Intrighi, equivoci, scambi di persona, travestimenti e amori. Un mix potente  che fa da plot a “La dama duende (La donna fantasma)” di Pedro Calderón de la Barca di scena, da stasera a domenica, al Teatro Grassi con la Compañía Nacional de Teatro Clásico di Madrid diretta da Helena Pimenta

Scritta  nel 1629, la messinscena è una commedia del genere “di cappa e spada”. La trama, ricca di colpi di scena, ha per protagonista una giovane e bella vedova, Doña Angela, ben decisa a sottrarsi al costume dell’epoca che la vorrebbe reclusa per la recente morte del marito che l’ha anche lasciata sul lastrico. 

Uscita di casa di nascosto dai fratelli, Don Juan e Don Luis, s’innamora di Don Manuel, il gentiluomo che per salvarla da un pericolo resta ferito in duello. Manco a dirlo, Don Manuel è amico di Don Juan e Don Luis.  Tra mille equivoci, tutto finirà bene.

«Tra sogno e realtà, risate e stupore – spiega Helena Pimenta, regista dello spettacolo e dal 2011 alla guida della Compañía Nacional de Teatro Clasico – le parole di Calderón ci riveleranno, ancora una volta, situazioni legate alle donne, ai sentimenti, all'inganno, alla libertà, esilaranti e al tempo stessi serissime, figlie del nostro lontano passato, ma riferibili anche a un tempo più vicino, se non forse al nostro presente. L’umorismo ci aiuterà a non avere paura di affrontarle». 

Lo spettacolo ha una ricca colonna sonora che attinge all’opera italiana di Bellini, Donizetti, Rossini e Verdi. 

ANTONIO GARBISA

Articoli Correlati

Quando l’autismo diventa un Minotauro

Prima nazionale stasera all’Elfo Puccini per “Dedalo e Icaro” regia di Ferraù e Frongia

Alis Christmas Gala,tutte le star del nouveau cirque

Le Cirque World’s Top Performers sarà da dopodomani al 26 dicembre al Teatro della Luna

In prima nazionalegli Elfi scelgono Haddon

In prima nazionale da domani “Lo strano caso del cane ucciso a mezzanotte” di Haddon