Airc presenta i progressi nella lotta contro il cancro

  • Tumori

SALUTE. Ci sono tutti i progressi della battaglia contro il cancro nei Giorni della Ricerca, l’iniziativa di Airc che prosegue fino all’11 novembre. Si tratta dell’appuntamento più importante di tutto l’anno per l’associazione  che in questa occasione è impegnata a informare il pubblico di tutta Italia sui grandi passi fatti dalla scienza in campo oncologico. E per raccogliere nuove risorse attraverso una serie di eventi che coinvolgono  tv, scuole, università. E le piazze da nord a sud: saranno oltre mille e sabato 10 novembre ospiteranno tanti volontari che distribuiranno i cioccolatini della Ricerca per sostenere l’attività di 5 mila scienziati. Tra i risultati più importanti dell’attività dei ricercatori una nuova pubblicazione su Journal of Clinical Oncology con i risultati di un’innovativa sperimentazione clinica di fase II. Dimostra l’efficacia dell’immunoterapia pre-intervento nel far regredire o scomparire il tumore infiltrante della vescica. Il lavoro è firmato da Andrea Necchi dell’Istituto Nazionale dei Tumori di Milano. Tanti i metodi per diagnosi sempre più precoci e i trattamenti sempre più personalizzati che, negli ultimi due decenni, hanno contribuito a far diminuire costantemente la mortalità. In Italia oggi si guarisce di più. La sopravvivenza a 5 anni è aumentata, sia per gli uomini (54% contro il 51%) che per le donne (63% contro 60%), rispetto al quinquennio precedente. E oggi oltre 3 milioni di persone hanno superato una diagnosi di cancro.           

LUISA MOSELLO

Articoli Correlati

Ecco Bicinrosa, pedalatacontro i tumori al seno

La pedalata di sensibilizzazione per la lotta ai tumori al seno si disputerà domenica a Roma, con partenza e arrivo alle Terme di Caracalla

Contro i tumori la guerracomincia nel nostro piatto

L’Airc sottolinea l'importanza delle buone abitudini in cucina. E per l'iniziativa “Le arance della salute” realizza una guida

Tumori, con il nastro rosail mese della prevenzione

Un mese intero per promuovere la ricerca e sottolineare l’importanza della prevenzione al femminile