La pasticceria diventa star su YouTube

  • wwworkers.it

Wwworkers è la community dei lavoratori della rete, dipendenti o imprenditori che operano con le nuove tecnologie e che si raccontano su wwworkers.it e su Metro  

Saper fare e far sapere, in giro per il mondo. La ricetta vincente per imporsi sui mercati internazionali arriva da uno storico laboratorio di pasticceria artigianale d’eccellenza nel cuore del Veneto. È questa la storia dell’azienda dolciaria fondata nel 1938 dalla famiglia Loison e rilevata da Dario nel 1992. Siamo a Costabissara, settemila anime nell’hinterland vicentino. Oggi l’impresa ha 30 dipendenti, fattura 9 milioni di euro e vende in 50 Paesi del mondo. «Nonno Tranquillo aveva aperto un laboratorio di panificazione, poi papà Alessandro nel ‘69 ha iniziato a fare torte. All’epoca si guadagnava di più con questo prodotto perché il pane era calmierato», ricorda Dario, 56enne di Vicenza, terza generazione alla guida dell’azienda e pioniere del web. «Sin da giovane ho iniziato a girare il mondo. Questo mi è stato utilissimo quando a febbraio del 1996 ho aperto il mio primo sito Internet. Ricordo la prima vendita importante: seicento panettoni spediti in Svezia, acquistati da un’associazione di italiani residenti a Örebro, cittadina nella Svezia centrale.» Da quella prima vendita Dario ha capito subito l’importanza di Intenet: «Siamo piccoli, ma siamo una “no-sleeping company”. Abbiamo investito nel cloud e siamo in grado di fare l'analisi previsionale del venduto e di capire quanto sarà necessario produrre a Natale o a Pasqua».

Panettoni e colombe disponibili tutto l'anno, ma anche una vasta gamma di altri prodotti, dalla Veneziana alla biscotteria al burro. Piccole delizie preparate con materie prime eccellenti e contornate da un packaging esclusivo.

Dario ha compreso prima di altri la trasformazione della filiera, ridefinita completamente grazie alle connessioni digitali. «Addirittura ventidue anni fa abbiamo effettuato la vendita dei nostri prodotti a un pizzaiolo italiano basato ad Osaka, in Giappone. Così i nostri dolci hanno iniziato a girare per il mondo». Oggi grazie a Google Maps Dario e il suo team riescono a tracciare i distributori, arrivando a dialogare in modo diretto con i clienti finali. «Di fatto geolocalizziamo i nostri rivenditori con una mappa virtuale personalizzata, che è molto importante perché permette di connettere tutti i mercati esteri, migliorando i servizi direttamente con gli importatori».

Ma c’è di più. Il laboratorio di Dario si è trasformato in un caso di successo su YouTube, grazie ad una originale presenza sulla piattaforma di videosharing. L’azienda ha un proprio canale attivo da dieci anni, sul quale sono caricati oltre 150 video di promozione, formazione, racconto, condivisione. C’è addirittura uno specifico team che gira il mondo realizzando video. «Abbiamo da tre anni una squadra dedicata, con la quale realizziamo contenuti multimediali in Francia, Giappone, Danimarca. In questo modo ripensiamo l’azienda come vetrina multipiattaforma».

Giampaolo Colletti

@gpcolletti 

Articoli Correlati

Il quiz via app che orienta i migranti

La storia raccontata su wwworkers.it e su Metro

L’e-commerce del rigattiere

La storia di Piercarlo Chiavassa raccontata su Metro e wwworkers.it

In Emilia i falegnami del riuso

La storia di Francesca Vicenzi e Marco Mattioli