Se per guidare serve la patente...

  • CARLO BARBIERI

Vedo in un centro commerciale l’ennesima bambina truccata e vestita da adulta - avrà una decina d’anni - e penso che i bambini li possono mettere al mondo tutti: anche gli imbecilli di tipo schizoide, ovvero dalla doppia personalità. 
E così creature preziose e irripetibili sono in balìa di genitori che da un lato inorridiscono (giustamente!) per l'ennesimo caso di pedofilia, però poi le fanno andare in giro come piccole "vamp", le iscrivono in concorsi di bellezza dove imparano a sculettare o, più semplicemente, pubblicano le loro foto senza alcuna precauzione su Facebook, o le lasciano a chattare per ore con chissà chi e chissà di cosa. Senza pensare ai mostri in agguato. 
Genitori che si commuovono alla notizia di bimbi morti in incidenti stradali, ma in auto fanno sedere i propri figli davanti e senza cintura, o li portano in giro sullo scooter senza casco; che condannano quelli che si rovinano con le slot machine ma poi iniettano il virus del gioco d’azzardo nei propri figli regalandogli giocattoli che funzionano esattamente allo stesso modo, o lasciandoli giocare nei locali che offrono slot per ragazzini: macchinette che vanno a soldi ma, ipocritamente, non distribuiscono vincite in denaro, per carità, ma in punti scambiabili con regali (svegliatevi signori legislatori: è la stessa cosa!); pensate per fargli prendere il vizio prima ancora di diventare adulti. 

Per guidare ci vuole la patente, per insegnare l’abilitazione, per operare una laurea in chirurgia; è mai possibile che chiunque possa “fare il genitore” solo perché possiede un apparato riproduttivo?

CARLO BARBIERI

Articoli Correlati

Noi, i ragazzie la "via del No"

L'opinione di Carlo Barbieri

Una motosegaturain anestesia generale

L'opinione di Carlo Barbieri

Romolo, Palermoloe l'accoglienza materassica

L'opinione di Carlo Barbieri