Il Milan fa fatica contro il Dudelange

  • Europa League

CALCIO Avrebbe dovuto essere una passeggiata, ieri sera, sul terreno dei semi-professionisti lussemburghesi: ne è uscito, invece,  un debutto europeo faticoso, al limite della brutta figura, per il Milan di Gattuso. Che, dopo la poco esaltante pagina di Cagliari in campionato, ha avuto ragione del Dudelange, uscito fra gli applausi entusiasti del pubblico di casa, solo grazie a un tiro di Higuain al 59’. Un tiro nemmeno pulito, peraltro, deviato quel tanto che bastava ad ingannare l’ottimo portiere Frising (che si era appena prodotto in una spettacolare parata proprio sul Pipita). Un debutto vincente, per il Milan, ci voleva, ad ogni modo. E forse è meglio prenderla con filosofia. Con le parole pronunciate prima del match da Maldini («Stiamo costruendo qualcosa di importante»), per esempio. E, anche, con le parole pronunciate dopo il match dal debuttante Caldara ai microfoni di Sky: «Bene così. Sapevamo che era una partita difficile. Questi sono i classici avversari contro cui hai solo da perdere». Caldara, che debuttava, come Reina, in un Milan “B”, apre la strada alle dichiarazioni di Gattuso: «Avremmo potuto chiuderla prima, la partita. Ma va bene così. I nostri avversari? Sono arrivati fin qui non certo per caso, conoscevamo le loro qualità. In Europa non esistono partite facili. Sono contento perché abbiamo dato minutaggio a tanti».

Il Chelsea vince
 Tra i risultati di ieri, occhio al Chelsea di Sarri, che piega in trasferta a Salonicco grazie al gol di Willian dopo 7’.

S.RIZ.

Articoli Correlati

La catastrofedel Diavolo

Il Milan perde 3-1 ad Atene contro l'Olympiacos ed esce dall'Europa. Gattuso: «Partita buttata. Non meritavamo»

Lazio sconfittama quasi contenta

L'Eintracht passa 2-1 all'Olimpico, ma Inzaghi dice: «Ho trovato le risposte che cercavo»

Per Lazio e MilanEuropa a due facce

Ultimo turno: biancocelesti per fare bella figura, rossoneri per qualificarsi