Olimpiadi, addio tra le polemiche

  • TORINO

TORINO Nei palazzi del potere torinese è tanta la delusione per la scelta del governo di non appoggiare la candidatura di Torino, Milano e Cortina ai Giochi olimpici invernali del 2026.

Senza i soldi di Roma, il capoluogo piemontese si sfila: «È certo che, in Piemonte, senza il pieno sostegno e l’impegno economico del governo non ci sono le condizioni per organizzare i Giochi», spiega la sindaca Chiara Appendino. Se lei mantiene toni diplomatici, si sbilancia invece il presidente del Piemonte Sergio Chiamparino per il quale la notizia era attesa «dal momento che Milano e la Lombardia non hanno accettato la clausola per il governo imprescindibile che non vi fossero città capofila». Per lui è improbabile che il Cio prenda in considerazione l’eventuale candidatura di Milano e Cortina, sostenuti dai governatori leghisti di Lombardia e Veneto Attilio Fontana e Luca Zaia, che «sarebbe l’evidente dimostrazione che eravamo di fronte a una manovra per tagliare fuori il Piemonte, manovra che la componente pentastellata non ha saputo in alcun modo fermare, neanche per difendere gli interessi di una città la cui sindaca è una esponente di primo piano del Movimento». Così il Pd torinese addossa la colpa alla sindaca, mentre il M5s cittadino accusa il primo cittadino di Milano Beppe Sala.

ANDREA GIAMBARTOLOMEI

Articoli Correlati

A Claviere «i francesi ci scaricano i migranti»

Lo sostiene il Viminale. Aperta inchiesta

Stop da lunedì alle auto inquinanti

Ma il problema sono anche le caldaie

Scrittore omicidaarriva la condanna

Piampaschet: 25 anni per il delitto della lucciola