Coca Cola progetta bevande alla cannabis

  • cannabis

Usa Una serie di bevande aromatizzate alla marijuana per aiutare a combattere dolori, infiammazioni e crampi. Sarebbe questo il nuovo progetto messo allo studio dalla Coca-Cola. L'intento, ha fatto sapere il colosso americano è realizzare delle bevande aromatizzate con cannabidiolo (Cbd), sostanze non psicoattiva con proprietà antinfiammatorie: "Come molti altri nel settore, monitoriamo da vicino la crescita di Cbd non psico-attivo come ingrediente in bevande per la salute".  Tra i sostenitori della sostanza si sottolinea come questo sia utile per alleviare alcune sintomi di artrite e diabete mentre l'olio con basse concentrazioni aiuta a favorire il sonno, aumentare l'appetito e ridurre stress, depressione e ansia. Il progetto sarebbe in collaborazione con l'azienda canadese Aurora Cannabis: la Coca-Cola non ha voluto commentare, sottolineando che "non è stata presa ancora nessuna decisione". 

La cannabis sta attualmente generando un grande interessa tra i giganti dell’industria alimentare, molti dei quali scommettono che sarà legalizzata in diversi paesi nei prossimi anni. Il consumo e la coltivazione di cannabis diventeranno legali il 17 ottobre in Canada, il primo paese del G7 a compiere questo passo. Il produttore di birra canadese Molson Coors ha già annunciato che sta avviando la produzione di bevande analcoliche a base di marijuana in collaborazione con il gruppo canadese Hexo, un produttore di cannabis terapeutica. Constellation Brands, il proprietario delle birre Corona e Modelo e della vodka Svedka, ha recentemente investito diversi miliardi di dollari nella società canadese Canopy Growth.

Articoli Correlati

Cannabis legale, chiusitre negozi nelle Marche

Due negozi di cannabis legale sono stati chiusi a Civitanova Marche. Salvini: "Complimenti al questore"

Cannabis, Lega contro M5S"Non passerà mai"

Salvini: "Non è nel Contratto". Centinaio: "Facciano un governo con qualcun altro"

"Cannabis legalizzata?E' una provocazione"

Cannabis legale, il ministro Fontana contro la proposta M5S: "Non è nel contratto del governo"