Draghi: "Finora le parole hanno fatto danni all'Italia"

  • Bce

"Finora sfortunatamente le parole hanno creato dei danni". Lo ha detto il presidente della Bce, Mario Draghi in merito all'Italia in riferimento ai tassi sui titoli di stato. "I tassi di interesse sono saliti per le famiglie e per le imprese", ha aggiunto.  "Le parole negli ultimi mesi sono cambiate diverse volte ora aspettiamo i fatti. Il fatto principale è la bozza della legge di bilancio e la discussione che il Parlamento farà su essa. Dobbiamo vedere come avverrà e di conseguenza si regoleranno gli investitori. Confidiamo in quanto detto dal presidente del Consiglio italiano, dal ministro dell'Economia e dal ministro degli Esteri ossia che l'Italia vuole rispettare le regole", ha aggiunto.

Articoli Correlati

La Bce conferma lo stopdel QE a partire da gennaio

Bce, Draghi: "Ripresa dell'eurozona si indebolisce". Monito ai paesi con debito pubblico alto

Draghi: "Con spread altomeno prestiti dalle banche"

Il presidente della Bce: "Dati di crescita più deboli del previsto"