"Servono più concorsi per non avere cattedre vuote"

  • Scuola

ROMA «Il problema delle cattedre vuote è strutturale: bisognerebbe cambiare le leggi»: è perentorio Antonello Giannelli, presidente nazionale dell’Anp  (Associazione nazionale presidi).

Nessuna possibilità quindi di iniziare  l’anno scolastico con tutti gli insegnanti?
La scuola è una macchina enorme in cui lavorano 1 milione di dipendenti. Ogni anno, il 31 agosto, vanno in pensione 30-40 mila lavoratori e siccome i concorsi vengono fatti raramente, non si fa in tempo a scorrere le graduatorie. Basterebbe rendere i concorsi annuali e così si avrebbero le graduatorie da cui attingere i docenti. Inoltre manca un preside su 4. sempre perché non si fanno i concorsi.

Cosa avverrà con i vaccini?
«La situazione è confusa: per ora resta in vigore la normativa della Lorenzin, poi quando sarà approvato il decreto Milleproroghe, basterà l‘autocertificazione».

Sull’edilizia scolastica come siamo messi?
Per mettere in sicurezza tutti gli 8 mila istituti scolastici italiani servirebbe un piano da 50 miliardi di euro, che nessun governo  troverà mai.

VALERIA BOBBI

Articoli Correlati

Anticipate le iscrizioniVia dal 7 gennaio, fino al 31

Le iscrizioni a scuola per l'anno scolastico 2019/2020 dal 7 gennaio

Due scritti invece di treCome cambia la Maturità

Maggiore attenzione al percorso svolto dai ragazzi nell'ultimo triennio

Quasi un alunno su treè in una classe 2.0

I pc sono presenti in gran parte delle scuole, ma a mancare sono i docenti che li utilizzino