«Il vero tema la sostenibilità non il brand»

  • TORINO/OLIMPIADI 2026

ROMA «La decisione sarà presa e la saprete il 18 settembre: siccome il garante finale è il governo, faremo un’ultima valutazione. Qualche passo in avanti lo abbiamo fatto, non abbiamo concluso tutto il percorso, perché ci sono ancora alcune cose da superare. Ma siamo fiduciosi, a oggi posso dire che ci sono più certezze che dubbi». Lo ha detto ieri il sottosegretario Giorgetti, dopo l’incontro a Roma tra Governo, Coni e le tre città - Milano, Torino e Cortina - coinvolte dalla candidatura olimpica. «Ci sono ancora delle criticità da superare - ha ammesso - perché rispetto allo standard consueto, per la prima volta vogliamo sperimentare una candidatura diffusa sul territorio e quindi bisogna incastrare sensibilità ed esigenze diverse». Per Appendino «c’è stata una concentrazione su questo tema del brand che qualche territorio ha posto (Milano, ndr). Noi ribadiamo che il tema non è il brand, ma che il modello sia effettivamente low cost e sostenibile dal punto di vista economico e ambientale e che ci siano ricadute importanti sul territorio. Le garanzie devono essere date dal Governo. Attendiamo le sue valutazioni», ha concluso. metro

Articoli Correlati
TORINO/OLIMPIADI 2026

L'ira di Appendino«Incomprensibile»

Dopo la designazione olimpica di Milano e Cortina, Chiamparino sbotta: «Me lo aspettavo». Intanto tutte le opposizioni contro la Sindaca
TORINO/OLIMPIADI 2026

Giorgetti riapre ad Appendino

Ma la Sindaca insiste: «Fondamentale e imprescindibile sapere chi paga per le Olimpiadi»
TORINO/OLIMPIADI 2026

Chiamparino ci credeAppendino invece no

Duello olimpico tra presidente e sindaca. Il primo vuole andare avanti con Milano e Cortina, la seconda è per lo stop