Commerciavano scheletri Li rivendevano online

  • Milano

Tre 40enni, tutti professionisti del nord Italia sono stati denunciati dai carabinieri della compagnia Porta Monforte di Milano, che seguendo un'indagine, hanno riscontrato che ricevevano e rivendevano ossa umane in rete. I militari del nucleo investigativo della compagnia hanno dapprima riscontrato un teschio in un pacco nel centro di spedizioni UPS di via Fantoli a Milano. Presso l'ufficio del pm Francesco Cajani è stato aperto un fascicolo per ricettazione e avviata un'indagine in collaborazione con la squadra reati informatici della procura.

Da  Praga. Trovati una ventina di teschi e diverse ossa fra cui molti femori: tutti i resti degli scheletri provenivano dalla Repubblica Ceca e in particolare da Praga. Non è ancora chiaro a che epoca appartengano, perché sono ancora all'esame di medici legali. Certo che i tre denunciati non avessero le autorizzazioni necessarie (in base al dpr 285 del 90) per tenerli. Ai militari infatti hanno confessato di essere dei semplici collezionisti, ed è esclusa la pista di appartenenza a riti satanici o sette particolari. Dalle indagini informatiche comunque è emerso che le ossa venivano da loro acquistate e poi rivendute su piattaforme come eBay con un ricarico di prezzo. 

Articoli Correlati

L'Oasi del clochard chiudeL'appello di Furlan dei City Angels

Esperimento unico in Europa sotto sfratto

Sala scrive ai milanesi«Aumento Atm per il futuro»

Dopo il muro contro muro Regione verso l’accordo tariffario

I nostalgici del Meazza già sul piede di guerra

Sala: «Ne discuterà il consiglio comunale»