Giustizia subito (ma non da soli)

  • CARLO BARBIERI

Quando ho sentito il governo annunciare “Revocheremo immediatamente la concessione ad Autostrade per l’Italia, non aspetteremo i tempi della magistratura” mi sono detto “Bravi, così si fa. Giustizia subito”, e credo che moltissimi italiani, presi come me dalla compassione e dalla rabbia per l’accaduto, abbiano reagito allo stesso modo. Poi, a mente più fredda, mi sono reso conto che la dichiarazione è di una pericolosità inaudita.

Se uno dei poteri dello Stato – in questo caso, quello esecutivo – dichiara di volere sostituirsi a un altro, quello giudiziario, dà un colpo terribile alle fondamenta della nostra democrazia. La magistratura deve funzionare bene e in tempi brevi, certo, ma non la si può mai dichiarare superflua e scavalcabile.

In nessun caso.

Il nostro paese è uno Stato di Diritto. Se il principio “io non aspetto il giudizio perché è lento, mi faccio giustizia da solo” passasse, torneremmo ai tribunali del popolo con le ghigliottine, ai linciaggi con impiccagioni sommarie alla Far West, e andremmo in giro armati, pronti a reagire con le armi a un’aggressione, a un torto o a una mancata precedenza all’incrocio.

Vogliamo che i responsabili della tragedia di Genova siano individuati e paghino senza sconti; ma se ne deve occupare il Potere Giudiziario, che ci farà il favore di fare presto.

E vogliamo che la Magistratura e il Governo mettano mano finalmente a una riforma che snellisca le procedure, acceleri i processi e ricostituisca la fiducia nella giustizia. Se no, la tentazione di fare da soli ci contagerà tutti, e sarà la fine dell’Italia democratica.

CARLO BARBIERI

Articoli Correlati

Serendipityalla palermitana

L'opinione di Carlo Barbieri

"Vi presento Ciccio,il mio bimbo detective"

Intervista con Carlo Barbieri, scrittore ed editorialista di Metro, in libreria con “Dieci piccoli gialli”

Quel virus "proerotico"dei nonnetti siciliani

L'opinione di Carlo Barbieri