La polemica sulla Gronda che fu bocciata dal M5S

  • genova

A qualche ora dal crollo del Ponte Morandi di Genova, che ha causato numerose vittime e feriti, è spuntato sui social un comunicato dei Comitati No Gronda del 2013. Nel testo, ospitato sul sito del Movimento 5 Stelle, venivano spiegati i motivi della contrarietà alla Gronda di Ponente, una bretella autostradale progettata a Genova. Poi, a un certo punto, il comunicato cita espressamente il Ponte Morandi: "Ci viene poi raccontata, a turno, la favoletta dell'imminente crollo del Ponte Morandi, come ha fatto per ultimo anche l'ex presidente della Provincia, il quale dimostra chiaramente di non avere letto la Relazione conclusiva del dibattito pubblico, presentata da Autostrade nel 2009. In tale relazione si legge infatti che il Ponte "...potrebbe star su altri cento anni" a fronte di "...una manutenzione ordinaria con costi standard" (queste considerazioni sono inoltre apparse anche più volte sul Bollettino degli Ingegneri di Genova)".

Articoli Correlati

Genova, il commissariosarà il sindaco Bucci

A 50 giorni dal crollo del Ponte Morandi l'incarico viene affidato dal governo al primo cittadino

Decreto Genova al Colle«Pochi soldi per il porto»

Nel testo anche misure per i terremotati di Ischia e la reintroduzione della cigs per cessazione di attività

Il decreto è al Colleall'esame di Mattarella

Il testo del decreto legge con le misure sul crollo del ponte di Genova