Da Ilva a Tav e Tap: la maggioranza dice sì

  • GRANDI OPERE

Il fronte del sì alle grandi opere come Tav, Tap e Ilva di Taranto è molto più forte di quello del no. Lo dice un sondaggio Swg riportato su Il Sole 24 Ore, realizzato tra il 24 e il 26 luglio su un campione di mille soggetti residenti in Italia. L'alta velocità Torino-Lione è ritenuta indispensabile dal 49% degli intervistati e solo per il 30% andrebbe fermata (il 21% non sa rispondere). Percentuali simili per il gasdotto pugliese Tap: il 44% lo vuole e il 28% vi si oppone; e per l'Ilva di Taranto: 41% di sì contro 31% di no.    Fotografia che si ripete anche per il Mose di Venezia (49% di favorevoli contro 27% contrari). L'unico caso in cui il no prevale sul sì è quello sul ponte sullo Stretto di Messina (53% contro 30%).

Aree politiche. Il sondaggio scandaglia poi l'opinione sulle grandi opere a seconda dei partiti di appartenenza. Emerge che il 64% (15 punti in più della media generale) dei leghisti considera la Tav un'opera indispensabile. Percentuale che si abbassa al 35% fra gli elettori del M5S e che raggiunge il 90% tra chi vota Forza Italia e il 63% nell'elettorato del Pd. I forzisti e i dem sono quelli che esprimono il massimo consenso nei confronti delle grandi oper con punte dell'80-90% per Mose e Tav. Tra i Cinquestelle l'opera meno avversa è il Mose (40% favorevoli), mentre per Tap e Ilva si attestano rispettivamente al 35 e al 34%.    Sul fronte Lega, anche nei casi di Mose, Tap e Ilva l'elettorato del Carroccio supera per favorevoli la media del campione generale: i si' per il Mose superano di 4 punti la media, per il Tap di 10 punti oltre e per l'Ilva 7 punti in piu'. 

Articoli Correlati

Rilancio dell'EurLa Nuvola è realtà

Inaugurazione sabato Attesi 1.500 ospiti Diacetti: “L’opera frutterà 300 milioni l’anno”

Lupi non si dimette Incalza sotto torchio

Il ministro delle Infrastrutture al Question Time alla Camera ripete di non aver fatto nulla di sbagliato. Ma conta già due mozioni di sfiducia.

Esposito su Tav:“Se costa 7 mld non va fatta”

Il senatore del Pd da sempre fautore dell’opera ci ripensa: “Il Parlamento è stato tenuto all’oscuro”.