Alta velocità, scontri nella notte in Val di Susa

  • No TAV

Scontri e disordini in Val di Susa, nei pressi del cantiere dell'alta velocità. Ieri sera circa 100 manifestanti si sono diretti verso Chiomonte e, una volta giunti sul posto, hanno lanciato petardi contro le forze dell'ordine che presidiano l'area. La polizia ha risposto con il lancio di lacrimogeni. Un episodio simile era accaduto due notti fa, con i No Tav che avevano desistito a causa del forte temporale.   Cresce, quindi, la tensione in vista della terza edizione del festival Alta felicità, in programma a Venaus dal 26 al 29 luglio, un appuntamento al quale non dovrebbe partecipare uno dei leader storici del centro sociale Askatasuna nonché organizzatore del festival, Andrea Bonadonna, ancora agli arresti domiciliari per gli scontri avvenuti in centro a Torino il 1 maggio 2017. 

Articoli Correlati

La pasionaria No Tavora rischia il carcere

Nicoletta Dosio condannata a 8 mesi per l’ultima evasione dai domiciliari. Il 20 dicembre potrebbero esserle revocati

L’Appendino sulla Tav: Via dall’Osservatorio

Lo strappo della sindaca che presenta la mozione dei Cinque Stelle. Il documento andrà al voto del Consiglio comunale

No Tav, al viail processo bis

Da domani prende il via il l’appello: 53 imputati per i violenti scontri a Chiomonte nel 2011