Brexit, per Londra c'è il rischio del visto

  • Brexit

Senza un accordo tra il Regno Unito e l’Unione Europea sulla Brexit, dal 30 marzo 2019 i cittadini europei potrebbero essere costretti a chiedere il visto per recarsi in Gran Bretagna, così come i britannici che vogliono entrare nel territorio dell’Ue. La Commissione ha chiesto agli Stati membri, alle imprese e ai cittadini di accelerare i preparativi per un eventuale mancato accordo. Intanto il negoziatore Barnier fa notare che mancano solo 13 settimane di lavoro durissimo, auspicando che si riesca a concludere qualcosa.
Sul lato economico, «Dalla Brexit non ci saranno vincitori», scrive il Fmi nel suo report sull’erozona. L’Fmi ritiene che la Brexit avrà effetti negativi sulla Ue (-1,5% sul Pil annuo), specie sui Paesi con le economie più aperte.

Articoli Correlati

Johnson avverte l’Europa"Pronti a non pagare il conto"

Nel dilemma Brexit il candidato più forte dei conservatori a succedere alla May sceglie la linea più dura

Brexit, May si dimetteIn pista Boris Johnson

La premier britannica Theresa May lascia la guida del partito conservatore, aprendo la corsa al successore

Brexit e May dal destino incerto

Si inseguono voci su una possibile caduta della premier britannica