Pazzi per i Bleus Francia, che festa ai campioni

  • Calcio

CALCIO Scene da vincitori, atto primo. A scendere dalla scaletta dell’aereo sono stati per primi il capitano Hugo Lloris, con la Coppa, e il tecnico Didier Deschamps, accolti dal ministro dello Sport Laura Flessel, tra le acclamazioni del personale aeroportuale che ha cantato “Merci les Blues”. Sulla pista, mano mano che tutti i parigini scendevano in strada, i pompieri hanno offerto alla nazionale un “saluto d’acqua”, un arco monumentale fatto con getti di acqua. I giocatori hanno sfilato sul tappeto rosso fino a un piccolo podio dove hanno posato per i fotografi. Sull’autobus della sfilata il disegno delle due stelle simbolo delle due vittorie al Mondiale e la scritta “campioni del mondo”.  La nazionale è stata ricevuta nel palazzo presidenziale di Parigi dal presidente Emmanuel Macron, dopo aver percorso a bordo di un bus “imperiale” la celebre Avenue degli Champs-Elysées. Ma la cosa singolare -e che dovrebbe far riflettere– è che le stesse scene si sono viste a Zagabria, dove la nazionale croata, battuta in finale, è stata festeggiatissima dai suoi tifosi.

Articoli Correlati

Lazio-Udinese 2-0L'Europa è di nuovo nel mirino

Nel recupero della 25esima giornata la squadra di Inzaghi supera i friulani e sale a quota 52 punti, a -3 dal quarto posto occupato dal Milan

Skriniar avverte l'Inter«Dzeko pericolo numero uno»

In vista del big match di sabato sera il difensore nerazzurro indicanel bosniaco l'uomo che può portare maggiori problemi alla retroguardia interista

Milan, caso Acerbiora indaga la Procura

Il Milan ha fatto sapere ieri con una nota che «intende cooperare con la Procura su quello che ormai è il "caso" Kessie-Bakajoko