Migranti a Pozzallo L'Europa si divide

  • Migranti

Ragusa  È iniziato a Pozzallo lo sbarco di 59 donne e bambini del gruppo di circa 450 migranti soccorso a ridosso di Linosa due giorni fa. Il premier Conte ha deciso di autorizzare lo sbarco di donne e bambini da una nave della Guardia di finanza e da una di Frontex, ferme in rada. Nella partita legata alla redistribuzione dei migranti l’Italia trova sponde inaspettate ma anche porte sbarrate da parte di quelli a cui aveva strizzato l’occhio. Dopo Malta e Francia anche Germania, Spagna e Portogallo accettano di accogliere le richieste italiane e di prendere 50 dei migranti fermi sulle navi al largo del porto di Pozzallo. «Questa è la solidarietà e la responsabilità che abbiamo sempre chiesto all’Europa e che ora stanno cominciando a diventare realtà. Continuiamo su questa strada, con fermezza e nel rispetto dei diritti umani», dice soddisfatto Conte. «Bene, fermezza e coerenza pagano, è finito il tempo di governi complici e pavidi», commenta Salvini che aggiunge: «Il prossimo obiettivo, per stroncare una volta per tutte la mafia del traffico di esseri umani, sarà riaccompagnare gli immigrati dove sono partiti». Ma dai Paesi di Visegrad - contrari all’immigrazione - arrivano accuse: «L’approccio dell’Italia è la strada verso l’inferno, e non fa altro che motivare i trafficanti e aumentare le loro entrate», ha detto il primo ministro ceco Andrej Babis.

Articoli Correlati

Gli rifiutano l’asilomigrante si impicca

Giovane del Gambia non avrebbe retto alla vergogna del ritorno in patria

«Niente voli charterper rimpatri dalla Germania»

Il ministro dell'Interno Salvini: «Solo piccoli gruppetti. Italia non è campo profughi Ue»

Rimpatri dalla GermaniaSalvini: «Aeroporti chiusi»

Scintille sui respingimenti previsti dal trattato di Dublino. Ma la Baviera smentisce i voli charter